Esposta alla Lazzerini l’opera di Giacomo Costa donata al Centro Pecci dal presidente Beccaglia

E’ stata posta ieri alla Biblioteca Lazzerini di Prato l’opera che Valdemaro Beccaglia ha donato alla Collezione del Museo Pecci di Prato: “Atto n.9″ di Giacomo Costa, un imponente lavoro firmato dal giovane artista ormai consolidato sullo scenario artistico internazionale. “Sono stato assolutamente colpito da questo lavoro che mi ha riconfermato, nel caso che ce ne fosse ancora bisogno che l’arte contemporanea non è solo lo specchio dei nostri tempi ma che riesce addirittura a raccontarci il mondo che sarà nella maniera più lucida ma anche visionaria che possa esistere”, dichiara il presidente del centro per l’arte contemporanea luigi Pecci Valdemaro Beccaglia.
Marco Bazzini, direttore del Centro Pecci ha presentato il lavoro di Costa situato sulla parete delle postazioni internet della sala di consultazione della stampa. Il direttore della biblioteca Franco Neri si è detto entusiasta della continua collaborazione con il Centro Pecci che mette in contatto l’arte contemporanea con le miglia di visitatori che popolano normalmente la biblioteca pratese, ed ha ringraziato Beccaglia per il suo lavoro “carico di senso civico”.

I commenti sono chiusi.