I sindaci della provincia alla Festa Democratica: “Troppi vincoli con il Patto di stabilità, ma i comuni virtuosi non sono solo al Nord”

La protesta e la proposta dei sindaci della provincia tiene banco alla festa democratica. Ieri sera, invitati a parlare di “buon governo del centrosinistra”, coordinati dal responsabile enti locali Nicola Oliva, i primi cittadini di Cantagallo, Ilaria Bugetti, Carmignano, Doriano Cirri, Montemurlo, Mauro Lorenzini, Poggio a Caiano, Marco Martini e Vernio, Paolo Cecconi, insieme all’assessore provinciale Antonio Napolitano (assente il sindaco di Vaiano per impegni istituzionali), hanno parlato soprattutto delle difficoltà ad amministrare in questa fase di forti tagli ai trasferimenti statali e regionali. Tutti hanno condiviso la critica ai vincoli del patto di stabilità che impedisce di investire, anche in presenza di bilanci sani. “Non sono solo al Nord i comuni virtuosi”, hanno spiegato i sindaci Pd.
Insomma, una situazione veramente difficile, perché da una parte i tagli “lineari” rappresentano un handicap enorme, soprattutto per chi ha già una scarsa dotazione finanziaria, a cui si aggiunge la beffa di non poter sviluppare politiche di investimento a causa dei famosi vincoli. Ma il buon governo, secondo i sindaci, è saper dire la verità, senza sfuggire alle responsabilità di fronte ai cittadini, cogliendo le disponibilità – come quelle mostrate dalla Regione Toscana – e ottimizzandole al meglio. Ma, in ogni caso, come ha detto Ilaria Bugetti “tagliare risorse ai comuni vale a dire restringere la democrazia, poiché il governo locale è quello più attrezzato e vicino ai bisogni dei cittadini”. Doriano Cirri, da poco riconfermato sindaco a Carmignano, ha detto che “Gli industriali pratesi devono mostrare di avere più idee e meno dubbi sui rapporti con la Cina, che sono una via obbligata per chi vuole internazionalizzare il proprio prodotto”.
Sempre alla festa del Pd, ieri sera, si è tenuto un altro dibattito, in ricordo di Giorgio Vestri, compianto sindaco di Prato e assessore regionale alla sanità, con la presentazione della biografia scritta dal giornalista Filippo Boni. Insieme all’autore, Giuseppe Gregori, l’ex sindaco Mattei e la senatrice Anna Maria Bucciarelli hanno raccontato aneddoti e storie di una delle figure politiche più amate e conosciute della città.

I commenti sono chiusi.