Il Museo del Tessuto chiude per lavori: la riapertura il 29 settembre con l’ingresso spostato accanto a quello della Lazzerini

Sarà un estate senza il Museo del Tessuto, che chiude per tre mesi in modo da consentire gli importanti interventi di ristrutturazione degli spazi espositivi. Lavori che consentiranno di completare il restauro dell’intero complesso della Campolmi e che non possono essere eseguiti con la presenza del pubblico.
In particolare sarà spostato l’ingresso del Museo che da via Santa Chiara sarà portato in via Puccetti lato Mura, praticamente accanto a quello della biblioteca Lazzerini, in modo da rafforzare il legame tra le due istituzioni culturali ospitate dalla ex Campolmi. Sarà anche realizzata la Caffetteria, affidata in gestione al Gruppo Miraglia e a servizio sia del Museo sia della biblioteca. Questa vera e propria rivoluzione comporterà la risistemazione integrale anche delle sale espositive con gli allestimenti che saranno modificati rispetto agli attuali. Crescerà lo spazio dedicato all’esposizione permanente con nuovi approfondimenti, in particolare per la sezione contemporanea, e un’area interamente dedicata al cardato. Verrà poi realizzata un’apposita zona di consultazione per i campionari tessili e la biblioteca del Museo, a disposizione di studiosi o studenti che su appuntamento potranno consultare il notevole patrimonio accumulato nel tempo dal Museo del Tessuto. La chiusura avverrà a partire dal 1 luglio mentre la riapertura è prevista per il 29 settembre quando la città tornerà in possesso di un Museo profondamente rinnovato e ampliato in tutti i suoi spazi.

I commenti sono chiusi.