Giovanni Fochi rilegge il “Gattopardo”: al Prato Nord Festival la lettura scenica in costume delle pagine più belle del romanzo

Per i suoi tanti rimandi al Risorgimento e per l’ambientazione, il “Gattopardo” è considerato da molti un romanzo storico. Alle sue pagine più famose, Giovanni Fochi, ha deciso di dedicare una mise en espace, nella forma di una lettura scenica  – a più voci – in costume. Lo spettacolo dal titolo “La zampata del Gattopardo”, sarà preceduto da un’introduzione storica di Giovanni Capecchi, è andrà in scena stasera (martedì 26 luglio) al Teatro Giardino Lippi di via Corridoni (ore  21,30), ingresso 5 euro.
«Quest’anno abbiamo dedicato il nostro cartellone ai 150° anni dell’Unità d’Italia- spiega Giovanni Fochi- Una ricorrenza che festeggeremo attraverso le glorie dello ciclismo e alcune letture sceniche, ispirate a pagine significative della nostra letteratura. Questa mise en espace nasce come un omaggio al Gattopardo. Un testo,  per certi versi, considerato anche “polemico” nei confronti dell’unità del paese: il principe di Salina, nel suo dialogo con Chevalley, non nasconde un po’ di scetticismo nei confronti dei miglioramenti apportati dal nuovo Regno… ».
«La mia sarà un’introduzione storica – aggiunge invece Giovanni Capecchi, curatore della rassegna “Scritture in corso” del Prato Nord Festival- una specie di romanzo del romanzo, per preparare i presenti all’ascolto della lettura».

I commenti sono chiusi.