Le liste civiche stanno con Cenni: “Da Carlesi un attacco dai toni ingiustificabili”

Sandro Ciardi

Come era facile immaginare, le dure parole usate da Carlesi nel suo virulento attacco al sindaco Cenni, anche a livello personale oltre che politico, hanno provocato immediate prese di posizioni nel fronte del centrodestra. I primi a intervenire, a difesa del sindaco, sono state due formazioni minori della coalizione: la lista Prato libera e sicura e quella Giovani e famiglia.

“Al solito Carlesi – si legge in una nota di Pls – non avendo argomenti politici per rispondere al sindaco Cenni, replica con indignitosi attacchi personali. Allora, visto che si va sul personale, troviamo giusto e trasparente chiedere a Massimo Carlesi di raccontare ai pratesi il motivo delle sue dimissioni da assessore nel 2004. Ma è ancora più gramo il suo attacco quando di fronte ai dati scioccanti sull’evasione dei confezionisti cinesi elude il problema. Non abbiamo sentito una sua parola di biasimo per un comportamento che palesa l’economia di rapina alla nostra comunità radicata nel nostro distretto proprio grazie alla superficialità, o divremmo dire connivenza, della sinistra pratese che ha male amministrato Prato per decenni. E’ vero che ci sono anche nostri concittadini che non pagano la Tia ma la maggior parte di questi sono quelli che non riescono neppure ad arrivare a fine mese e il più delle volte chiedono aiuto ai servizi sociali per pagare le bollette. Caro Carlesi, sicuramente loro non viaggiano a bordo di auto del valore di 60-70mila euro senza pagare un euro di tasse e tributi”.
“Un’altra domanda da porre al capogruppo del Pd è questa – si legge ancora -: può darci i numeri della sua attività di contrasto all’illegalità durante quegli sciagurati anni in cui ha ricoperto l’incarico di assessore alla Sicurezza? Può citare qualche attività particolare in questo settore? Forse se ne vergogna, e giustamente, perché ha fatto poco o niente per il contrasto all’illegalità, commettendo una colpa gravissima nei confronti di noi pratesi”.
A nome di Giovani e famiglia, invece, parla Sandro Ciardi: “La replica di Carlesi a Cenni  - dice – ci appare come una ingloriosa ammissione di impotenza politica da parte del capo della opposizione. Le uniche parole extra Sasch Carlesi le spende per difendere i cinesi e dire che non sono gli unici a evadere la Tia. Tutto qua. Al di là del giudizio sul lavoro dei primi 2 anni di Cenni (per noi positivi), è ormai evidente a tutti che una opposizione così non fa bene alla città. Confidiamo nella Bugetti per poter far cambiare passo a questa opposizione, guidata da un Carlesi che a volte sembra delirare, pur di inveire sulle vicende private di Cenni”.

21 pensieri su “Le liste civiche stanno con Cenni: “Da Carlesi un attacco dai toni ingiustificabili”

  1. Io non lo capisco più Carlesi. Quando non si hanno più argomenti ci si attacca a qualsiasi cosa…….
    Riguardo ai conti pubblici, qualcuno farebbe meglio a tacere oppure a ritirare fuori quelle carte trafugate dai cassetti/armadi degli uffici comunali, all’indomani della vittoria di Cenni.
    Mica siamo agli anni ’70 con il watergate….!

    a risenticci e a ridissele…………

  2. Quando dico che il personaggio è supermediocre, nel 2004 quando si dimise da assessore, accampò problemi di salute….si quelli che gli sarebbero venuti se l’avessero preso alcuni commercianti e popolazione quando istituì la lam in controsenso in via bologna……di fronte ai mobili cecconi, la lam doveva svoltare a sinistra venendo da nord, cambiò sensi e spese fior di soldi per segnaletiche e varie, oltre a istituire i parcheggi a pagamento, alla fine la lam continuò la corsa per la via bologna.

  3. Da ex elettore del centro sinistra (almeno per quanto riguarda il Comune) non riesco a capire perché la sinistra a Prato continua a voler ignorare, direi in un modo che potrebbe apparire anche fino troppo facilmente connivente, il problema dell’evasione delle tasse da parte dei cinesi. Senza voler ripetere quanto già detto da Ciardi, che condivido, sicuramente ci sono anche pratesi che le evadono, e allora? Vi ricordate quando un nostro ex presidente del consiglio, fuggito all’estero, si giustificava dicendo “sì, ho rubato, ma lo facevano tutti, quindi che male c’è?” Non ho mai sopportato chi porta come giustificazione il fatto che anche altri facciano lo stesso!! Carlesi, faccia un piacere a tutti, vada a lavorare, ma non in politica che non gli riesce… e forse anche la sinistra potrà trarne qualche vantaggio.

  4. Che commenti.
    Sandro Ciardi di Giovani e Famiglia? Lo scudiero di Re Cocomero?
    Ma perché non sta zitto? Mandano lui a replicare, a fare il lavoro sporco?
    Senza voler difendere Massimo Carlesi, io non sono targato Pd, tuttavia ha colpito nel giusto.
    Il rischio è quello di vedere il Cenni ancora governare, visto che, con la Sasch che ha, non può che continuare a fare il sindaco. Che fa sennò?
    E meno male che era il sindaco civico, uno che parla alle feste del pdl!
    Continueranno a fare campagna con la storia dei cinesi, quando tutti, dico tutti, prendono gli affitti a mandorla!

  5. A me non interessa il fallimento dell’imprenditore Cenni, un fallimento che è sotto agli occhi di tutti, quindi lasciamolo che paghi i suoi debiti con le aziende e sopratutto quei poveri dipendenti.
    Detto questo, vorrei capire da quale profondo abisso deriva questo entusiasmo della giunta Cenni- quali sono i risultati che hanno prodotto e che la città sta beneficiando? quali intyerventi efficaci stanno facemndo per la sicurezza? se la città è diventataa violenta, morti ogni due giorni, scippi e rapine quatidiane, insomma sembra di vivere in una città del sud( senza offese per il Sud) dove la violenza è pane quatidiano.
    Cosa fanno o o cosa faranno per l’integrazione? niente, solo propaganda mediatica e demagogica.
    Che città vuole Cenni e il centrodestra? nessuna lo sa, solo utilizzare quello che ha fatto il centrosinistra- nel bene e nel male- quindi, non hanno nessuna idea, non sanno nemmeno dove si trovano le frazioni di Prato, una vera vergogna, una vera sconfitta, questi sono i fatti, altro che entusiamo , una città che si trova sul ciglio di un burrone con una gamba dentro e una pericolante cosa c’è da entusiamare, mi fanno veramente pena.
    Poi Carlesi non fa che il suo lavoro di opposizione- nel bene e nel male. L’unica cosa che è evidente è la sconfitta dei Pratesi poichè sono governati da “incompetenti” e da un’armata brancalene.

  6. “Che città vuole Cenni e il centrodestra? nessuna lo sa”

    Invece l’idea di citta’ che avevano le giunte di centrosinistra l’abbiamo capita bene ed e’ per questo che abbiamo deciso di cacciarli.

  7. Caro Nik a me non interessa cosa avete fatto ( la sinistra ha perso non per la vostra capacità ma per la loro indifferenza ad interessarsi ai veri problemi dei pratesi); quello che mi interessa e che siamo governati da gente incompetente, che non hanno prodotto niente per Prato, un Sindaco che non è presente da nessuna parte, solo al Metastasio ( con i soldi dei pratesi) per fare passerella e demagogia ( meno male solo per i pochi intimi di questa giunta), senza avere nessuna idea della città, della sua gente e dei loro problemi.
    A me Cenni mi fa tenerezza perchè ogni giorno che passa sembra sempre di più un pesce fuori dall’acqua.
    Nel 2014 andranno a casa e ti posso assicurare che nessuno li rimpiagerà, anzi saranno ricordati come un’incidente di percorso.

  8. caro Nik e Mister Benny, il problema è che a Prato sia a destra che a sinistra non vedo gente capace e competente e salvo sorprese sempre auspicabili la vedo dura, poi potremo tranquillamente continuare a rinfacciarci le mancanze degli avversari di turno ma la sostanza non cambia purtroppo.

  9. Dopo Benny Hill, abbiamo canche il benny nostrano, che comico……e anche veggente, peccato che quello che prevede per il 2014, con gli attuali vertici del pd….non possa mai avvenire. :-)

  10. Caro pippo el primero ( non sono comico) le comiche le fanno i tuoi amici, tutti i giorni, se la cantano e se la suonano da soli, basta andare in giro e rendersi conto del fallimento di Cenni, di una politica costruita sul nulla, solo sull’aspetto mediatico, grazie all’amicizia della Nazione ( che mi dicono che sta avendo un forte calo di elettori), altro che giudizi, ci stanno portando sull’orlo di un fallimento annunciato, di una crisi senza ritorno.
    E questo grazie a Cenni e ai suoi amici.
    Una città governata male e senza nessuna prospettiva di miglioramento senza nessuna idea per il futuro, sanno solo accusare quelli di prima, insomma uno scaricabarile che è la somma di comiche che ci costringono ad assistere, il 2014 è la data che la legge ci consente di mandare a casa questi signori, che hanno portato Prato ad essere quella che è adesso, una città abbandonata a se stessa e al suo inesorabile destino. Un fallimento totale.

  11. speriamo solo che dopo il fallimento della città ad opera del sindaco più mediatico del mondo si torni alle classiche amministrazioni sinistroidi che dalla cenere lasciata dal centrodestra in 4 anni ridarà una nuova luce alla città.il prossimo sindaco carlesi (tocchiamoci…) tradurrà in realta tutto quello che sbandiera come incapacità nei confronti dell’attuale maggioranza e quindi gli ordini per il tessile torneranno alla grande,i cinesi si metteranno in regola da soli anzi correranno all’ufficio imposte per pagare i contribuiti, milone verrà internato in qualche laboratorio clandestino a riso crudo, il consiag e le partecipate torneranno nelle mani di coloro che MAI le hanno usate per scopi politici e clientelari,anche il centro di galceti tornerà in attivo per la gioia della fauna locale,finalmente il centro di ricerca cinese italiano vedrà la luce , il silli sarà costretto a dividere l’abitazione con i rom perchè chi di razzismo ferisce di razzismo perisce e chi più ne ha più ne metta…
    mister benny sei sicuro che sarà cosi??????
    auguri

  12. Caro comico, quando sindaco c’era il romagnoli, tutto filava liscio…..specialmente nelle partecipate dove sono stati sistemati parenti e affini di voi compagnucci. A proposito, il romagnoli ha fatto 2 mandati, anche lui stesso non si ricorda che è stato sindaco…. :-)

  13. @ Luc: meglio fare lo scudiero al Re Cocomero che il Sancho Panza al Carlesi donchisciottesco che in mancanza di nemici se la rifà con i mulini a vento.
    Credi forse che nel PdL manchi persone che potrebbero fare “il lavoro sporco” come dici tu?
    Il sindaco civico, non parla alle feste del PdL, che tra l’altro non ci sono mai state sul territorio, ma parla e volentieri con tutti i cittadini…..ovviamente se lo invitano a un contraddittorio. E non stiamo parlando solo del Sindaco, ma anche di assessori della giunta. Non è raro che Cenni abbia parlato ai circoli Arci, mentre per esempio, Mondanelli non abbia potuto parlare alla festa dell’unità (o democratica) ai giardini di maliseti durante la serata sul nuovo ospedale. E’ stata invitata la Scaramuccia (ass.regionale alla salute) e non l’assessore preisposto al comune di Prato, luogo dove deve sorgere l’ospedale.
    Provate a invitare il sindaco civico alle sagre e alle feste o agli incontri anche in periferia invece che dire baggianate gratuite.

  14. Risulta a tutti che Cenni va solo al Metastasio e che non conosce la “sua” città , e le periferie sono una cosa aliena per lo stesso Cenni.
    Quindi, che questo signore parla con i cittadini sembra una battuta sotto il sole di inizio agosto, insomma una grande presa in giro, vogliono farci credere quello che non sono, vogliono farci credere che Cenni e i suoi amici hanno a cuore il bene dei pratesi, una grande offesa all’intelligenza della gente, che vive e lavora sudando guadagnandosi la giornata, cosa che questi signori non sanno nemmeno cosa significa.

  15. Grazie mister benny, se non ci fossi tù che ci apri gli occhi come faremmo a vivere in questo mondo di ladri.

  16. Comico sei un ganzo, parli tu di lavoro che rappresenti i compagnucci, che notoriamente sono tutto fuori che lavoratori, diciamo più parassiti statali.

  17. ha ragione benny.
    gli unici che hanno a cuore i pratesi sono i furbetti del pd.
    abati,gestri,logli,squitteri e tutti coloro che hanno uno scopo solo nella vita politica.aiutare i deboli,utilizzare le varie poltrone in città x ridistribuirne i redditi al popolo, sconfiggiare il male assoluto ossia i capitalisti e aiutare i rappresentanti dell unica vera democrazia del popolo (i cinesi).
    mister benny ho trovato il posto giusto per te.la corea del nord.
    un grande a pippo el primero che ha detto la cosa più giusta.parassiti statali.vorreste lo stato che vi pulisca pure il c..o.
    per me mister benny era vicinissimo ad una poltrona cittadina ma il cenni gli ha sconvolto un po’ i piani e oggi lo maledice perchè non ha una delle quelle ambite poltrone su cui ci si siede trastullandosi aspettando l’assegno mensile e la pensione a vita senza rischiare niente….
    bella prospettiva di vita mister benny…..complimenti per l’audacia

  18. Mister Benny, l’hai votato Cenni, ora te lo ciucci!
    Cmq scannarsi tra tifosi rivali è proprio ciò che vogliono questi politicanti da strapazzo, bravi, continuate a farli contenti, gonzi!
    Mi fate mori’ dal ridere!