Sale su una ciminiera e minaccia di buttarsi di sotto: tre ore di trattativa prima di convincerlo a scendere

E’ salito su una ciminiera e per circa tre ore è rimasto a penzolare nel vuoto, minacciando di buttarsi di sotto. Protagonista del clamoroso gesto un 50enne italiano, tossicodipendente, che voleva attirare l’attenzione sulla propria situazione di diifficoltà alloggiativa. Il fatto è avvenuto dalle 10.50 alle 13.40 di oggi in via Genova. L’uomo si è arrampicato sulla ciminiera di una rifinizione. I primi a notarlo hanno subito dato l’allarme e sul posto sono intervenute le pattuglie delle Volanti e le squadre dei vigili del fuoco insieme ad un’ambulanza pronta ad ogni evenienza. L’uomo ha subito detto che non sarebbe sceso finché non fosse stata trovata una soluzione. E’ iniziata quindi una lunga trattativa che ha visto impegnato in prima persona il dirigente delle Volanti, Fabio Perilli, insieme ad alcuni funzionari del Comune. Solo dopo quasi tre ore  di paziente mediazione, il 50enne si è deciso a rinunciare ai suoi insani propositi ed è sceso dalla ciminiera. A questo punto è stato portato in questura e, dopo essere stato identificato, si è preso una denuncia per il reato di procurato allarme.

I commenti sono chiusi.