Manutenzione caldaie Comune. Giovani e famiglia: “Quanto hanno dovuto pagare di più i cittadini con le loro tasse?”

“L’esito della gara di appalto per la manutenzione delle caldaie comunali, conclusa con un risparmio di 500mila euro suona a dir poco scandaloso”. A dirlo è Sandro Ciardi, coordinatore della lista civica Giovani e Famiglia. “A questo punto – prosegue Ciardi – chiediamo di sapere quanti soldi noi cittadini pratesi abbiamo pagato con le tasse al Comune di Prato per queste scandalose spese in eccesso negli ultimi 10 anni. Vorremmo sapere, poi, se gli altri comuni della provincia, a guida centrosinistra, hanno intenzione di mettere a gara i loro omologhi appalti oppure se continueranno a fidarsi dei prezzi di Consiag. Siamo senza parole e indignati, in attesa di ulteriori chiarimenti. Rimane da pensare – chiude Ciardi – che i dividendi del Consiag ai comuni erano unicamente rimborsi per spese a dir poco scandalose”.

8 pensieri su “Manutenzione caldaie Comune. Giovani e famiglia: “Quanto hanno dovuto pagare di più i cittadini con le loro tasse?”

  1. Se si scavasse veramente nel calderone ne uscirebbero delle belle.
    Non si sa cosa e quanto sia stato mangiato durante il governo delle sinistre.
    E poi si definiscono i paladini della legalità.
    Il bello è che hanno talmente tanto potere che verranno rieletti ed allora riprenderanno anche il tempo perso.

  2. Ho sempre votato a sinistra e ovviamente continuerò a farlo, la ritengo l’unica soluzione giusta, anche se ovviamente la politica essendo fatta di uomini ci possono essere un sacco di cose che non vanno, oltre all’incapacità ci possono essere anche persone che se ne “approfittano”.
    Do solito si deve sparare a zero sulle persone, non sulle passate amministrazioni, perchè non è che la giunta attuale sia un granchè, certo se vi piacciono i proclami, se vi piacciono le sdoganature di tutto il peggio che c’è in quelle file….contenti voi.
    Ma come scrivevo in altro post, tutti e dico tutti, in qualche modo ci hanno mangiato con la passata amministrazione, per mangiare intendo,il lavoro, i servizi ecc ecc, quindi sotto questo punto di vista la passata amministrazione non ha sicuramente mancato.
    La colpa di quello che succede è semplicemente nostra, non si partecipa..!! pro contro che importa, l’importante è dire la nostra sempre, invece ogni volta che ci si trova di fronte uno che ha un minimo di potere, una carica, che sia in divisa o meno, siamo tutti pronti ad abbassare la testa, ad essere proni, a farci da parte, tanto lui, loro non sbagliano di sicuro, sono stati eletti, ha una laurea, ha una ditta….insomma un sacco di stupidate che poco hanno a che vedere con il modo corretto di governare una città, una provincia o una nazione.

  3. Carlesi sei ancora in ferie???? perchè non ci dici la tua?????

    per che voi di NDP non andate a sentire Romagnoli e gli altri della vecchia giunta per sentire un po’ cosa ci dicono???

  4. Giustissimo fare le gare e risparmiare, ma sul fatto che tutti ci hanno mangiato allargherei il discorso. Consiag subappaltava a ditte e artigiani del territorio, ed il denaro restava in circolo a Prato. I Francesi ho avranno le loro ditte, o con questi prezzi prenderanno per il collo gli artigiani pratesi. Quindi, premesso che l’affidamento fatto a COnsiag non era illegale, ma se ne può e se ne deve discutere l’opportunità, la realtà non è così netta come si vuole presentare.

  5. Io per lavoro intendevo che tutti hanno lavorato quando il modello Prato tirava, filature, aziende ad esso collegato, servizi ecc.
    Poi ecco un discorso giusto è quello di vedere a che prezzo e chi pagherà questa diminuizione di costo, chi lo sa…?? certo l’importante è il risparmio, poi a scapito di chi…chissenefrega, è più importante avere qualche cosa con cui fare polemica.
    Se dolo c’è stato è ben che paghino, ma tutta sta cosa mi sa tanto di polemica cercata e voluta a tutti i costi, i soliti metodi della destra e loro collegati che se si trovano al perso, come ora, gettano fango sugli altri.

  6. Che poi, quando si parla di pulizia della caldaia a me viene da ridere. Avete presente come funziona? Chiama una ragazza con voce molto molto carina (magari poi è un cancello) e ti fissa l’appuntamento per la visita del tecnico.
    Arriva il tecnico, smonta il coperchio della caldaia e gliene dà di aspirapolvere, perché quell’attrezzo che usa non è altro che un comune e banale aspirapolvere. Finita questa delicatissima e rischiosa operazione, rimonta il coperchio, scrive come un automa qualche parola su un foglio e ti chiede 80 euro.

    Questa manutenzione l’ho sempre ritenuta un furto, una specie di tassa per dar da mangiare a qualcuno.
    E ho l’impressione che, consiag o non consiag, la prossima volta che verrà il tecnico chiederà gli stessi 80 euro, se non qualcosa di più.

  7. Scusa lorenzo ma cosa c’entra la caldaia privata con la manutenzione delle caldaie del comune?

  8. @Lorenzo!
    per manutenzione alla caldaia non si indica solo pulizia annuale! ma anche intervento tempestivo nel caso di blocco, sostituzioni di componentistica a gratis perchè da contratto, terzo responsabile e documenti su documenti relativi a Ispesl CPI ect ect!