Controlli in due ditte del Macrolotto Zero: sequestrato un capannone e messi i sigilli a quasi 50 macchinari tessili

Continua incessante il controllo sulle attività produttive, e non solo, da parte della polizia municipale che questa mattina ha effettuato più accessi in diversi immobili ai margini del Macrolotto 0: zona San Paolo e pressi via Strozzi. Nel primo caso, la ditta Confezione Luna gestita da una cittadina cinese di 45 anni, è risultata priva della denuncia di azionamento dei macchinari e quindi le 23 macchine da cucire sono state sottoposte a sequestro amministrativo. Il controllo si è esteso alla vicina abitazione in cui sono state riscontrate modifiche interne finalizzate all’aumento di posti letto tramite la creazione di divisori all’interno delle due camere; è stato ispezionato anche il sottotetto il cui utilizzo è risultato conforme alla destinazione d’uso. Applicate sanzioni amministrative superiori ai 2.000 euro. Nel capannone nei pressi di via Strozzi invece sono state rilevate violazioni in materia penale e pertanto il magazzino in uso alla Confezione Sabrina di una cittadina cinese di 45 anni e di proprietà di un italiano di 77 anni, è stato sottoposto a sequestro preventivo. All’interno del fondo era presente un ampio vano dedicato alla preparazione e consumazione dei pasti e ben tre dormitori per un totale di 8 posti letto. Sottoposti a sequestro amministrativo i 25 macchinari presenti, dieci dei quali sono apparsi privi delle elementari norme di sicurezza quali la mancanza di protezione degli ingranaggi meccanici. Anche in questo caso la polizia municipale ha elevato sanzioni amministrative per circa 2000 euro.

I commenti sono chiusi.