E’ morto monsignor Eligio Francioni, per 34 anni vicario della diocesi di Prato. Oggi la camera ardente in Cattedrale, mercoledì i funerali

La chiesa di Prato e l’intera città sono in lutto. È morto questa mattina alle 8 nella sua casa di Maliseti il Vicario generale della Diocesi di Prato monsignor Eligio Francioni. Aveva 80 anni (compiuti il 5 settembre). Era il decano dei Vicari generali in Italia: fu infatti voluto suo «braccio destro» da monsignor Pietro Fiordelli, allora Vescovo di Prato, nel 1977 e poi confermato nel 1992 dal successore monsignor Gastone Simoni. In tutto 34 anni di servizio: nessun sacerdote ha tenuto quell’incarico per più tempo.
Affetto da un tumore scoperto ormai diversi anni fa e tenuto sotto controllo per lungo tempo, monsignor Francioni ha iniziato la fase terminale della grave malattia il giovedì santo di quest’anno e da allora – salvo alcuni ricoveri nell’Ospedale di Prato – non ha più lasciato la sua casa. Da alcuni giorni la situazione si era ulteriormente aggravata.
Il Vescovo Simoni, che gli è stato vicino per tutto questo periodo, non appena ha appreso la notizia dai familiari di monsignor Francioni, si è recato immediatamente al capezzale presso l’abitazione di Maliseti.
Oggi, a partire dalle ore 14, la salma sarà esposta in cattedrale e nello stesso orario tutte le campane delle chiese diocesane suoneranno a morto in segno di lutto. Mercoledì 28 settembre alle 15 verranno celebrati i funerali nel Duomo di Prato. Il corpo di monsignor Francioni sarà inumato nel cimitero di Chiesanuova.
Visibilmente commosso monsignor Simoni ha espresso il dolore e il cordoglio suo e di tutta la Chiesa pratese: «La Diocesi di Prato perde il suo Vicario generale, il cui servizio, instancabile e disinteressato, rimarrà scolpito nella storia diocesana e anche civile e sociale di Prato. Al tempo stesso perde uno dei sacerdoti più fedeli, saggi, buoni, conosciuti e apprezzati da tutti. Era innamorato di Cristo e della Chiesa, in particolare della Chiesa pratese a cui si è dedicato da sempre. Per me particolarmente, nel delicato servizio di Vicario generale, è stato un lealissimo collaboratore e un amico. Desideravo fosse al mio fianco per tutto il mio mandato. Posso dire che d’ora in avanti l’espressione «il Vicario di Prato», coniata per l’indimenticabile monsignor Fantaccini, può essere applicata a monsignor Francioni. Sono sicuro che perso un collaboratore quaggiù acquistiamo un intercessore in cielo. Aggiungo un affettuoso e riconoscente ringraziamento ai suoi esemplari familiari che lo hanno accompagnato con una assoluta dedizione fino all’ultimo».
Nato a Montemurlo il 5 settembre 1931, monsignor Eligio Francioni studiò prima nel Seminario di Pistoia (nel cui territorio diocesano si trova quel Comune) e poi in quello di Arezzo. Fu ordinato sacerdote della Diocesi di Prato da monsignor Pietro Fiordelli il 29 giugno 1956. Dopo un breve periodo di servizio come suo segretario, il Vescovo lo nominò pievano di San Pietro a Iolo, dove rimase fino al 1977. In quell’anno, dopo la nomina del Vicario generale monsignor Simone Scatizzi a Vescovo di Fiesole, Fiordelli nominò Francioni suo «vice».  Animato da una grande passione civile, ha dato volto ad una Chiesa del dialogo e della presenza con tutte le istituzioni e con tutte le realtà sociali, economiche, culturali e di volontariato della città.

2 pensieri su “E’ morto monsignor Eligio Francioni, per 34 anni vicario della diocesi di Prato. Oggi la camera ardente in Cattedrale, mercoledì i funerali

  1. Un Grande!!
    Ho avuto l’onore di collaborare con monsignor Francioni nell’estate del 1995 quando tra la Diocesi ed il Comune vennero raccolti dai cittadini pratesi oltre 16 tonnellate di generi alimentari per le popolazioni bombardate dalla guerra in Bosnia. Un’esperienza umanamente indimenticabile che porterò sempre nel cuore.
    Tutta Prato deve onorare questa grande persona che amava profondamente questa città.

  2. Sono vicino alla Diocesi ed alla citta’ tutta per la scomparsa del caro Mons. Eligio Francioni.

    Che la nascita alla vita eterna lo ricompensi dell’impegno profuso per la nostra Prato.