Entra nel vivo la stagione delle fiere tessili: in crescita le aziende pratesi a Milano Unica e Première Vision

Dopo le promettenti anticipazioni di Prima Moda Tessuto dello scorso luglio e appena conclusasi Munich Fabric Start, si profilano per le imprese pratesi gli appuntamenti clou del calendario fieristico autunnale del tessile: Milano Unica dal 13 al 15 settembre e Première Vision dal 20 al 22. Molto nutrite le pattuglie pratesi di partecipanti ad entrambe le fiere: complessivamente circa 120 aziende, un quarto delle quali presenti ad entrambi gli appuntamenti. A Milano Unica, in particolare, si è avuto un incremento forte delle partecipazioni pratesi, passando dalle 32 aziende dell’edizione di febbraio alle 48 attuali.
“Lo strumento fiera conserva una sua utilità e rilevanza, anche se molte cose sono cambiate rispetto ad anni fa e la promozione commerciale si è fatta più complessa ed articolata – osserva il presidente dell’Unione Industriale Pratese Riccardo Marini – In ogni caso le fiere sono ancora occasioni essenziali per un primo approccio con la potenziale clientela: difficile che a fiere terminate si riesca ad avviare nuovi contatti se non si è già rotto il ghiaccio in quei ‘salotti’ non solo commerciali che sono ormai divenuti gli stand. Presenziare ad una fiera, soprattutto se all’estero o comunque lontana, costituisce tuttavia un onere economico rilevante: il fatto che siano tante le imprese pratesi a prendervi parte significa che non è venuta meno la voglia di misurarsi con i mercati. Le aspettative sono discrete, anche se l’incertezza è tanta, per il settore e non solo. Le tipologie pratesi, in particolare il cardato e le fantasie, incontrano in questo momento il favore dei mercati: la fiera di Monaco ha mostrato una vivacità non eccelsa ma comunque abbastanza buona e l’auspicio è che Milano Unica e Première Vision confermino e rafforzino questo segnale.”

I commenti sono chiusi.