Montemurlo, alimenti senza etichetta nel negozio cinese: merce sequestrata e maximulta di 5mila euro

Nuovo colpo nella lotta all’illegalità della polizia municipale di Montemurlo che questa mattina ha effettuato un controllo in un negozio d’alimentari condotto da cittadini cinesi. I vigili, insospettiti dalla mancata esposizione del cartello indicante l’orario dell’attività, hanno visitato la struttura commerciale ed hanno rilevato l’inosservanza delle disposizioni in materia di etichettatura di prodotti alimentari. Oltre un centinaio di articoli posti in vendita sugli scaffali del negozio recavano l’indicazione degli ingredienti solo in lingua cinese, senza alcuna traduzione italiana. Inoltre erano presenti diversi prodotti sfusi senza alcuna indicazione.
“Abbiamo posto sotto sequestro amministrativo tutti i prodotti che non risultavano in regola con le disposizioni sull’etichettatura – spiega il comandante della polizia municipale Federico Zampaoli – inoltre trasmetteremo il verbale di ispezione allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune per avviare un esame di tutte le abilitazioni di questo esercizio, anche sul piano dei requisiti igienico sanitari e di tutela della salute pubblica e del consumatore”.
Intanto i vigili hanno contestato all’esercente la violazione in materia di etichettatura dei prodotti alimentari e il mancato rispetto della legge regionale in materia di pubblicità degli orari. Il trasgressore va incontro a sanzioni amministrative per oltre cinque mila euro, oltre al sequestro ai fini di confisca della merce.

I commenti sono chiusi.