Scatta oggi la kermesse Contemporanea 2011: da Prato a Montemurlo tanti spettacoli dedicati al teatro e all’arte

Con la giornata di oggi, venerdì 23 settembre, ha inizio “Contemporanea 2011”, il Festival di arte e teatro contemporanei, che durerà fino all’8 ottobre, strutturato dal Metastasio Stabile della Toscana.
Gli spettacoli e gli happening che si avvicenderanno in questo fine settimana sono molti e tutti interessanti: si comincia questa sera, alle ore 21, con “Suis a la Messe, reviens de suite” della compagnia Alakran e O.G. Mata. La pièce inizia con un cartello d’assenza alla porta del teatro: “Sono a Messa, torno subito”. Sarà proprio questo cartello che farà partire un percorso conoscitivo dell’anima, degli uomini come degli oggetti, anche se non si toccherà l’argomento prettamente religioso. Attraverso la riflessione e l’umorismo Oscar Gomez Mata ci condurrà in un non luogo, fino alla perdita di noi stessi. Uno spettacolo forte e interessante, al Teatro Fabbricone.
Le giornate di sabato 24 e di domenica 25 settembre prevedono lo stesso programma: alle ore 18, al Fabbrichino, la Compagnia pratese TPO e il coreografo inglese Tom Dale ci delizieranno con “Dance please”, un happening interattivo in cui il movimento del corpo mette in moto dei sensori che creano disegni e musica.
Dalle 19 alle 22, ogni trenta minuti, in Piazza Santa Maria in Castello Katia Giuliani proporrà “Ishow”, una sorta di appuntamento al buio. Lo spettatore avrà la possibilità di  scegliersi una nuova identità indossando una maschera animale, allo scopo di incontrarsi con un perfetto sconosciuto, anche lui mascherato, per condividerne un’esperienza. La performance involontaria dei due partecipanti si svolgerà in un container che ha due lati di vetro trasparente, per dare la possibilità ai passanti di osservare la scena.
Alle ore 20:30, in una Casa Privata, Cuocolo e Bosetti prepareranno per noi “The secret room”. La protagonista è una donna sola, chiusa in una casa, che può ricevere visite solo alle ore dei pasti. Un happening in cui vita e teatro si sovrappongono, abbandonando qualsiasi tipo di linea di confine che fino ad oggi ha diviso il reale dall’invenzione.
A fine serata, dalle 22:30, ad Officina Giovani sarà la volta  di “Volume I” con “Atto Semplice”, “Monstrum”, “Nel bosco” e “Flesh”, quattro performance molto diverse ma altrettanto interessanti.
L’unica differenza tra il programma di sabato e di domenica è lo spettacolo di Scena Contemporanea: sabato 24 verrà riproposto “Suis a la messe, reviens de suite” alle ore 20, sempre al Fabbricone, mentre domenica 25 settembre l’attenzione si sposterà su “ Irak” di Salvino Raco, spettacolo-indagine sulla guerra in Irak, alla Gualchiera di Montemurlo (ore 21).

Elia Frosini

I commenti sono chiusi.