Scelti i sei finalisti del concorso Made in Cardato Contest: saranno esposti in anteprima a Première Vision

Un capo di abbigliamento che può essere utilizzato in tre modi diversi, una seduta a metà strada tra una chaise longue ed un plaid, un tavolino ispirato alla seduta CAB di Mario Bellini. Tutto in Cardato Regenerated CO2 Neutral. Sono alcuni dei progetti arrivati fra i sei finalisti del Made in Cardato Contest, il concorso nato allo scopo di sperimentare nuove applicazioni per i tessuti a marchio Cardato Regenerated CO2 Neutral, attraverso l’apporto creativo e la freschezza di idee di giovani talenti. Il Made in Cardato Contest è nato su iniziativa della Camera di Commercio di Prato, con la collaborazione del Consorzio per la valorizzazione e tutela dei prodotti tessili cardati e con il contributo organizzativo del Museo del Tessuto.
Dal 30 aprile al 15 luglio hanno partecipato al Made in Cardato Contest ben 250 ragazzi provenienti da tutto il mondo. A selezionare i progetti finalisti – tre nella sezione Fashion e tre nella sezione Design – sono state due giurie d’eccezione, composte da esperti di entrambe i settori. Hanno scelto i progetti finalisti dell’area Fashion Claudio Orrea per Patrizia Pepe, Andrea Panconesi per Luisa via Roma e Francesco Barontini per BP Studio. La sezione dedicata al Design si è invece avvalsa del giudizio di Cecilia Chiarantini dell’Istituto Europeo di Design, di Luca Gambacorti dello Studio Lato e di Sophie De Wulf di Style Sight.com. Alla selezione dei migliori progetti ha partecipato anche il partner Class (Creatività, Lifestyle and Sustainable Synergy).
“Il Made in Cardato Contest è riuscito a miscelare due ingredienti, la fiducia nelle idee dei giovani e l’ecosostenibilità del Cardato – dice Carlo Longo, presidente della Camera di Commercio di Prato – Sono nati così sei progetti innovativi, capaci di dare nuovo slancio alla tradizione di questo prodotto tessile. Giovani e sostenibilità sono d’altronde due importanti leve per tornare ad essere competitivi”.
“I progetti emersi in occasione di Made in Cardato Contest rappresentano la conferma di una caratteristica importante del cardato: la sua grande versatilità – aggiunge Riccardo Marini, presidente del Consorzio per la valorizzazione e tutela dei prodotti tessili cardati – Una versatilità da sempre ben utilizzata per creare tanti stili diversi nell’abbigliamento e nei prodotti tessili per la casa, ma che è ben lontana dall’aver esaurito tutte le sue potenzialità.”
Adesso i 6 progetti più meritevoli del concorso debutteranno in anteprima a Premiere Vision, dove il Cardato Regenerated CO2 Neutral sarà presente con uno spazio dedicato. Al termine di questa esperienza, i sei ragazzi finalisti avranno la possibilità di venire a Prato, ospiti della Camera di Commercio, dove trasformeranno in realtà i propri progetti. Una workshop visit di 4/5 giorni, durante la quale i ragazzi entreranno in contatto con le aziende tessili aderenti al marchio Cardato Regenerated CO2 neutral e parteciperanno ad incontri finalizzati allo sviluppo dei loro prototipi e alla scelta dei materiali necessari. A dicembre, quando ormai i progetti saranno diventati prototipi, le due giurie selezioneranno i vincitori, uno per ogni sezione, che porteranno a casa un premio di 2500 euro ciascuno.

I commenti sono chiusi.