A Prato la sessione del Mep: studenti da tutta Italia per simulare una seduta del parlamento europeo

“Essere stati scelti per ospitare quest’importante convegno ci rende onorati e orgogliosi”. Con queste parole l’assessore ai Rapporti con l’Unione Europea Giorgio Silli ha introdotto la presentazione della 18°esima sessione nazionale del Mep – Model European Parliament, che si terrà in città da oggi, lunedì 24, a venerdì 28 ottobre. Il convegno si svolgerà al Convitto Nazionale Cicognini, unica scuola pratese a partecipare, a palazzo Buonamici e in prefettura.
Model Europan Parliament Italia è un associazione culturale, costituita nel 1996 a Modena che organizza annualmente un incontro di simulazione del Parlamento Europeo, nel corso del quale, i delegati per ogni scuola partecipante dibattono sulle tematiche europee, dopo una seria preparazione e documentazione. Gli studenti si confrontano in attività di Commissione ed Assemblea Plenaria utilizzando le regole e le procedure proprie del Parlamento Europeo, seguendo un iter formativo che, articolandosi attraverso le fasi regionale, nazionale ed internazionale, persegue obiettivi di alto profilo.
“Abbiamo accolto con entusiasmo – ha dichiarato l’assessore Silli – la richiesta pervenuta dalla docente del Convitto nazionale Cicognini, Alessandra Sarti, che ringrazio insieme alla dirigente scolastica del Convitto Maria Josè Manfrè. Centinaia di ragazzi arriveranno in città da tutta Italia e avranno l’occasione di partecipare ad un’esperienza importante e formativa. Per quello che ci compete abbiamo dato il nostro contributo, mettendo a disposizione il salone consiliare per i giorni in cui si terranno i lavori, e il patrocinio insieme alla Provincia e alla Regione”.
Da oggi fino a venerdì arriveranno a Prato 165 ragazzi di 23 scuole che frequentano il quarto anno o il secondo liceo classico, provenienti da tutta Italia e accompagnati dai loro docenti, a questi si aggiungeranno 20 studenti universitari che faranno loro da tutor.
“Sono molte le belle iniziative in questa città – ha dichiarato l’assessore all’Istruzione Pubblica Rita Pieri- e questo convegno ne è un ottimo esempio. Sono sempre più convinta che la scuola debba educare non soltanto nella didattica ma anche nell’educazione civica, che sia importante riuscire a far comprendere ai nostri ragazzi l’importanza di fare comunità, intesa come Unione Europea, solo così saremo maggiormente in grado di accogliere chi arriva nel nostro Paese”.
Anche la Provincia di Prato partecipa all’iniziativa mettendo a disposizione le sale della sede istituzionale dell’ente che, insieme al Convitto Cicognini e la Prefettura, ospiteranno le dieci commissioni di cui si compone il parlamento europeo. “Tutte le azioni che hanno lo scopo di avvicinare le nuove generazioni a una maggiore conoscenza del funzionamento dell’istituzione Europa non possono che essere vista con favore – dichiara il presidente del Consiglio provinciale Giuseppe Maroso che ha coordinato lo svolgimento della sessione plenaria per la Provincia – E’ infatti l’Europa la dimensione all’interno della quale si dovranno confrontare i ragazzi in futuro.”
Il convegno aprirà ufficialmente nella giornata di domani, martedì 25 ottobre, dopodiché prenderanno il via le commissioni. Giovedì 27 alle 10,45 ci sarà l’apertura ufficiale dell’Assemblea generale nel salone consiliare di palazzo comunale alla presenza della autorità. I lavori proseguiranno per tutta la giornata e termineranno alle 11,30 di venerdì 28. I temi affrontati saranno gli stessi al vaglio in questo momento delle commissioni al parlamento europeo.

I commenti sono chiusi.