Ancora incendi di sterpaglie, resta alto l’allarme e la Provincia prolunga a tutto ottobre il divieto di accendere fuochi

Torna il divieto di accensione fuochi. Il clima siccitoso di questi ultimi mesi e le scarse possibilità di pioggia previste anche per ottobre rendono ancora alto il rischio di incendi. Per questo motivo la Provincia ha istituito un nuovo divieto che da ieri, venerdì 14 ottobre, e fino al 31 ottobre proibisce l’accensione di fuochi nei boschi, e nel raggio di 200 metri, dopo le 10 del mattino. ‘Abbruciamenti’ di residui di ripuliture e potature dei castagneti da frutto sono consentiti invece solo fino alle 9.
Proibito in ogni caso accendere fuochi in presenza di vento intenso, disposizione che vale per tutto l’arco dell’anno. Ai trasgressori saranno applicate sanzioni che partono da un minimo di 240 e arrivano a un massimo di 2.066 euro. In caso di incendio è necessario segnalare prontamente i focolai al numero verde 800.425.425.
Intanto, proprio a confermare l’alto rischio, anche ieri sera i vigili del fuoco sono stati impegnati su più fronti. Un vasto incendio di sterpaglie si è infatti sviluppato ieri sera tra Coiano e Santa Lucia, lungo la tangenziale. Le fiamme, alimentate dal vento, si sono estese per un buon tratto di terreno. E sempre in serata un altro focolaio si è sviluppato ad Albiano, poco sopra Bagnolo.

I commenti sono chiusi.