Basket, Empoli impartisce una dura lezione a una Brunetti&Antonelli incerottata

"Isi" Vannucchi

Che la trasferta in terra empolese fosse difficilissima era risaputo, che il pronostico fosse tutto a favore delle padrone di casa era altrettanto noto, ma che la sconfitta da parte della Virtus Empoli assumesse le dimensioni di un’autentica debacle non era assolutamente nelle stime dei tecnici delle Brunetti & Antonelli. E’ finita invece con un 56-26 che non lascia spazio alle recriminazioni.
Purtroppo sul terreno della “Lazzeri” la Brunetti & Antonelli è scesa in condizioni critiche: la capitana Francesca Renieri esordiva dopo un periodo abbastanza lungo durante il quale la schiena l’aveva fatta soffrire, ed era dunque in condizioni appena sufficienti da garantirle un posto fra le convocate; a ciò si è aggiunto all’ultimo momento la tegola dell’indisposizione di Costanza Fatighenti e di Camilla Morlotti, entrambe in campo nonostante accusassero uno stato di debilitazione. Regalare quindi ad una corazzata come Empoli quello che costituisce quasi l’intero potenziale offensivo della squadra è voluto dire presentarsi di fronte all’avversario senza armi.
La partita ha avuto un senso in pratica solo per dieci minuti, dopo di che Empoli ha piazzato un break micidiale di 13 a 2 che ha in pratica deciso la gara; a metà tempo, le squadre hanno guadagnato gli spogliatoi con Empoli sul +10 (23 a 13). Al rientro in campo, i tifosi pratesi speravano in una riscossa delle proprie beniamine, ma le gambe tradivano le giocatrici, che rimediavano un altro brutto break (17 a 8) ed alzavano le braccia di fronte ad un avversario che invece aveva energie da vendere; si chiudeva con un passivo mortificante, e tutto sommato esagerato, con la Brunetti & Antonelli sotto di ben trenta punti: la differenza fra le due squadre esiste, ma non è questo il divario giusto.
Brunetti & Antonelli: Renieri F., Morlotti 4, Daviddi 5, Grieco, Fatighenti 5, Del Campo 2, Trinci 4, Chiappelli 1, Renieri E. 5, Santi.

Un pensiero su “Basket, Empoli impartisce una dura lezione a una Brunetti&Antonelli incerottata