Diritto di voto ai migranti, nasce anche a Prato il comitato “L’Italia sono anch’io”: da domani via alla raccolta di firme



Si è costituito oggi a Prato il comitato provinciale “L’Italia sono anch’io”, comitato che intende sostenere la campagna nazionale per la raccolta di firme a favore di due proposte di legge di iniziativa popolare sulla cittadinanza e il diritto di voto per i migranti. Il comitato provinciale è stato promosso da: Acli, Arci, Caritas, Cgil, Libera, Emmaus, Assemblea Libertà è partecipazione, Dicearchia 2008, Le Mafalde, Spazio Pubblico. La prima proposta di legge vuole riconoscere il diritto di voto nelle consultazioni elettorali locali ai migranti che risiedono da almeno 5 anni nel territorio nazionale. “E’ infatti ormai impensabile – spiegano i promotori – che a cittadini che stabilmente vivono, lavorano, studiano nel nostro paese non sia garantita la piena partecipazione alla vita politica e amministrativa delle realtà in cui risiedono”.
La seconda proposta di legge propone modifiche alla normativa vigente per quanto riguarda il diritto alla cittadinanza, sostituendo il principio dello jus sanguinis a quello dello jus soli, riconoscendo così la cittadinanza italiana ai bambini nati in Italia da genitori stranieri o che vi arrivano entro i primi 10 anni di vita.
La raccolta firme comincerà domani sabato 29 ottobre nell’ambito della serata per l’integrazione promossa dal movimento Libertà è partecipazione che si terrà al ristorante La grande Cina (Piazza del mercato nuovo). I banchini per la raccolta delle firme saranno poi presenti tutti i sabati in piazza del Duomo dalle 16 alle 20. Per informazioni e adesioni la mail del comitato è litaliasonoanchio.prato@gmail.it

9 pensieri su “Diritto di voto ai migranti, nasce anche a Prato il comitato “L’Italia sono anch’io”: da domani via alla raccolta di firme

  1. Si questa poi…. Non mi sembra che gli italiani all’ estero abbiano goduto o godano di certi privilegi, una proposta del tutto sgangherata e di cattivo gusto!

  2. ma andate a fare via il fondoschiena!!! fate votare anche gli ONESTISSIMI cinesi vai! ma guarda i che mi tocca sentire!

  3. Se date la possibilità di votare hai cinesi forse il PD riesce a vincere le elezioni.

    ahahahahahahah

  4. Ormai siamo alla follia, fate piuttosto come vi suggerisce pippo, occupatevi più dei Pratesi in difficoltà che oramai sono moltissimi

  5. Una boiata simile non poteva che venire da chi con questa gente ci campa e ci mangia, mezzi-preti e comunisti!
    Pensate piuttosto ai Pratesi!
    Basta con questo Terzomondismo!
    Anche tra noi cittadini pratesi c’è chi ha difficolta a vivere degnamente, solamente che non sono di moda, ma soprattutto non portano contributi statali nelle loro casse!
    Altro che buonismo… ma fatemi il piacere!!!

  6. Non sono d’accordo a dare la cittadinanza Italiana ai bambini prima del 18° anno di età,per la semlice ragione che dopo dovremmo dare la cittadinanza anche ai genitori del minore indi potremmo chiedere il ricongiungimento di zii e nipoti,tanto varrebbe dare la cittadinanza a chiunque poggi piede sul suolo natio,cosa che non possiamo permetterci.

  7. Sul passaggio dallo jus sanguinis allo jus soli sono totalmente contrario, per decine di motivi, qualcuno beceramente detto sopra.

    Per il voto, dopo almeno 5 anni di soggiorno stabile, senza precedenti penali, ed in pari con gli adempimenti fiscali, se ne può parlare, in caso contrario, spiegatemi voi cosa vuol dire integrazione.