“Guerra” del gas, Pdl e Lega esultano per la sentenza del Tar che dà ragione al Comune

Leonardo Soldi

Un atto di legittimazione dell’operato della giunta. Viene letta in questa chiave la sentenza del Tar favorevole alla gara per la distribuzione del gas dalle parti del Pdl. Per il coordinamento provinciale, secondo quanto riporta un comunicato, Cenni non ha fatto altro che esercitare un proprio diritto di amministratore andando nell’interesse dei cittadini: “Il pronunciamento del tribunale amministrativo – vi si legge – conferma che la strada maestra per la gestione dei servizi locali è l’apertura al mercato, con la conseguente salvaguardia dei diritti di tutela della concorrenza. La gara è una grande opportunità che porterà soldi freschi nel bilancio comunale e un abbassamento delle tariffe a beneficio degli utenti, nel solco di quanto già dimostrato con la gara sulla manutenzione delle caldaie che ha portato a un risparmio del 72 per cento”. Sulla questione interviene anche il segretario comunale della Lega Nord, Leonardo Soldi che esalta in particolar modo la sconfitta del mondo Consiag. “La decisione del Tar – dice – inizia a far emergere quello che abbiamo sempre sospettato e cioè che Consiag è una società autoreferenziale che gestisce con arroganza e scarsa competenza un immenso patrimonio pubblico appartenente per il 38% ai cittadini pratesi. Fino a che hanno potuto agire in un contesto “protetto” – asserisce Soldi –, dove tutto veniva deciso all’interno del “partito unico”, le inadeguatezze della governance e del management non emergevano perché tutto veniva giustificato dall’interesse supremo del partito che mai ha coinciso con quello dei cittadini. L’assoluta mancanza di trasparenza e di leale collaborazione che negli ultimi due anni ha caratterizzato i rapporti col Comune da parte di Consiag, che ha assunto decisioni anche travalicando le competenze del Consiglio Comunale – continua –, iniziano ad emergere grazie al ruolo dell’Amministrazione Comunale, non più in condizione di subalternità, ma impegnata ad ottenere quel ruolo centrale che l’ordinamento ed i cittadini le hanno assegnato”. Soldi aspetta di vedere l’esito degli altri bandi dei servizi precedentemente gestiti in house da Consiag: “Viste le premesse, riserveranno clamorosi colpi di scena”. (c.a.p.)

10 pensieri su ““Guerra” del gas, Pdl e Lega esultano per la sentenza del Tar che dà ragione al Comune

  1. Bravissimo Soldi, ben detto!!

    Nessuno potrai mai quantificare gli abusi di potere, le triangolazioni di comodo e tutto quel sistema di potere che ha permesso all’egemonia rossa in più di mezzo secolo di fare del comune di Prato la vacca grassa dalla quale attingere per consolidare posizioni di potere acquisite nel tempo.

    E poi sarebbero quelli che hanno la faccia tosta di ergersi a paladini dei più deboli, paghino col disonore le loro azioni e stiano in panchina per qualche lustro, almeno a Prato!

  2. Direi ineccepibili le parole di soldi; ma sicuramente si beccherà di incompetente, demagocico e populista dalla Bugetti, sempre che la Lady di bronzo si degni di commentare le parole di un esponente della Lega. Speriamo che questa banda di babbei, sindaco Gianassi in testa, non propongano stizziti ricorso al Consiglio di Stato. Qui a Prato, si vorrebbe risparmiare qualche soldino sulla bolletta del gas, visto i tempi che corrono e l’entità degli stipendi. La giunta ha già dimostrato che si può risparmiare se l’obiettivo primario non è alimentare un baraccone di politici trombati affamatore delle pubbliche amministrazioni, dove ci sono presidenti e consiglieri che beccano cifre da capogiro (vedi manutenzione caldaie e pubblica illuminazione).

  3. via gli amici dei rossi arivano gli amici dei neri ma in quel posto lo beccheremo sempre

  4. parola da concordare.occhiopio ha fatto la storia “pulita e onesta” della sinistra a prato
    ma chissà perchè queste verità non vengano mai viste da sinistra e intendo la base,gli elettori che si affidano a dei dirigenti super avidi di potere che si dimenticano facilmente delle richieste dei cittadini.

  5. Ma cari amici miei
    siete meglio degli Dei!
    Le malefatte tutte son di color che v’erano avanti
    e la parte vostra è più pura dei diamanti!
    Ovviamente Voi amministrate sol da pochi anni
    e gli altri han tenuto il “mestolo” per decenni.
    La novità che i pratesi han votato
    mi pare abbia trovato
    strada facendo
    qualche intoppo tremendo.
    Se la “mancina” mano
    ha governato in modo strano
    e ha fatto anche danni
    speriam che la “manritta”
    ci faccia vedere la via retta
    e quel che cuoce nella marmitta.
    Almen i pratesi poverini
    che non sono nè guelfi nè ghibellini
    sperino in un futuro migliore per i loro bambini!

  6. è certo: consiag sta già preparando il ricorso al consiglio di stato, ma sarà come arrampicarsi sugli specchi. siccome le decisioni del TAR fanno giurisprudenza, altri sindaci in baluardi rossi dovranno capitolare.

  7. Mah, io rimango sempre scettico, non posso contestare che siano stati fatti degli errori dalle precedenti giunte, specialmente per quello che riguarda i posti, non sono addentro ma lo posso benissimo immaginare.
    Cosa diversa è accettare quello che sta cercando di fare questa giunta con in primis l’intento di demolire e/o appropriarsi di Consiag, poi leggere gli interventi di uno che va alle feste della lega a Pontida circondato da elmetti con le corna e leggere interventi qui di gente che ha semplicemente l’avversione per la sinistra, non conoscendo assolutamente la storia della Consiag di quello che ha fatto e di quello che potrebbe ancora fare per Prato.
    Poi trovo becera, demagociga e totalmente priva di ogni fondamento la notizia che l’utente pratese potrebbe trarne un guadagno in tema di bollette.
    Intendiamoci nemmeno io mi permetto di intervenire nello specifico perchè non conosco tutta la questione fino in fondo, credo che siano state fatte delle scelte sbagliate nell’accomodare le persone, ma che la Consiag abbia fino ad ora operato fregandosene del bene dei pratesi…….a questa cosa non crederò mai, chiunque me lo dica, che sia uno con la cravatta verde o azzurra………mentre accompagnerei molto volentieri alla porta quelli con la cravatta rossa che non si meritano di occupare certi posti.

  8. il consiag come del resto tutte le partecipate nascono con un intento ben preciso ossia quello di apportare vantaggi alla popolazione fruitrice di tali servizi e perchè no anche quello di dotare la municipalità di una azienda che possa tra l’altro creare plusvalore per i comuni soci dell’ente.
    il problema è che la cosa è degnerata e questa degenarzione è scandalosa perchè sotto gli occhi di tutti.
    a prescindere dal caso caldaie e parentopoli,alzi la mano chi negli ultimi 15 anni non ha mai pensato: ma quanto ci mangeranno????
    io purtroppo la manina la tengo parecchio in tasca……

  9. Ammesso e non del tutto concesso che le precedenti giunte abbiano messo in piedi il Consiag che è poi degenarato in quello che la giunta sembra contrastare con tanto brio.
    la domanda vera è a questo punto, quali sianole vere mire di tutte queste manovre, come detto prima ammettendo gli sbagli delle precedenti giunte, teoricamente si potrebbe affermare che più di tanto non avrebbero potuto fare, nel governarla male intendo…..questa giunta che cosa farà..? il bene del popolo pratese..? personalmente ho i miei dubbi, perlomeno vedendo quello che succede a livello nazionale, c’è stato secondo me un via vai troppo intenso da parte di esponenti del governo centrale in tempi recenti e dopo le ronde, i blitz, adesso gli elmetti puntuti entrano anche nella questione Consiag….io non ci vedo affatto chiaro, posso certamente sbagliare, ma ne vedremo qualcuna che nemmeno immaginiamo.
    Comunque siamo italiani, qui siamo toscani e nello specifico pratesi, non dovremmo in teoria essere mescolati con queste persone che teorizzano la secessione…………ma voi destrini o destrorsi come amate definirvi, ordinate un’elmetto con le corna, ci stà che vi possa tornare utile.