Il Teatrino delle Briciole mette in scena “L’uomo cattivo”: sul palco gli attori della compagnia pratese LabKult

Dopo il debutto dello scorso giovedì con Carlo Monni, il Teatrino delle Briciole torna con la sua stagione al cinema Borsi d’essai di via San Fabiano 49: questa sera, 13 ottobre, alle ore 21:15 il palco accoglierà “L’uomo cattivo. Quando parla attraverso la bestia”, testo liberamente ispirato all’omonima opera di Stefano Pirandello e realizzato con Valentina Banci e Francesco Borchi, attori della compagnia stabile del Metastasio.
Autore del capolavoro è Stefano Landi, all’anagrafe Stefano Pirandello, nato nel 1895 e morto nel 1972, figlio del celebre Luigi Pirandello. E’ stato un grande commediografo italiano, raccogliendo l’eredità di un nome così importante e sicuramente pesante da cercare di onorare; nell’anno della morte del padre, il 1936, Stefano venne insignito del Premio dell’Accademia d’Italia per il Teatro, coronando così una ricerca e un lavoro che hanno segnato per sempre la sua esistenza. Gli attori in scena sono quelli della compagnia “LabKult”, compagine non professionista nata tre anni fa in collaborazione col Comune di Carmignano e che coinvolge giovani talenti del nostro territorio.
Una pièce tutta da vedere, che grazie all’esperienza della Banci e del Borchi e all’entusiasmo dei ragazzi del LabKult regala alla platea emozioni uniche, con uno spettacolo singolare e fantastico ricco di immagini e impressioni toccanti. Dopo “Vernacolando” di Carlo Monni, il Teatrino sfodera una seconda carta di tutto rispetto, confermandosi come una realtà di primo livello all’interno del tessuto culturale del nostro territorio. Il biglietto d’ingresso costa sempre 10 euro per la platea e 8 per la galleria; i bambini sotto i 12 anni entrano gratis e sono possibili formule molto convenienti di abbonamento.

Elia Frosini

I commenti sono chiusi.