LA NOSTRA STORIA/Quanti strafalcioni nella toponomastica stradale: tutti gli “orrori” che nessuno ha ancora rimosso

Oggi la nomenclatura stradale è uno dei mezzi più conosciuti, semplici ed efficaci, di divulgazione delle testimonianze culturali, della storia e delle tradizioni di un centro abitato.  Ogni targa di marmo solennizza per sempre, anche quando negli uomini si affievoliscono i ricordi, le tappe più significative di una comunità consegnando ai posteri un’attestazione che non cade nell’oblio, ma in qualsiasi momento è all’attenzione di un numero più o meno consistente di abitanti. Basti ricordare che nella quasi totalità delle città italiane, si trova presente nella viabilità locale il nome di Giuseppe Garibaldi e quello dei giudici Falcone e Borsellino, a differenza degli inglesi che sono molto restii ad intitolare a qualcuno una strada benché anche Prato abbia avuto in passato la sua Piazza degli Inglesi.
Con questa breve considerazione si può affermare che la base della cultura di ogni comunità, inizia dalla toponomastica che nel tempo la popolazione si è dotata intitolando strade e piazza ad eventi o persone di rilievo locale, in aggiunta a quelle di rilevanza nazionale e recentemente europea.
Sfortunatamente i delegati alla custodia di queste fondamentali memorie, gli amministratori pubblici, rimangono indifferenti e non alzano un dito per verificare, divulgare  e correggere eventuali errori. Chi scrive ha speso un lustro per redigere una storia delle strade di Prato, attualmente visibile nel sito web della rete Civica.
Anche i diversi appelli alla costituzione di un Assessorato al decoro urbano non hanno avuto riscontri, nemmeno quando nel 2008 la Giunta comunale accolse alcuni suggerimenti deliberando, con atto n°480 del 21 ottobre, la revoca con successiva correzione dei madornali errori incisi sui cartelli stradali. Malgrado i solleciti all’allora assessore alla Cultura e suoi successori, un atto deliberativo ufficiale del Comune è rimasto lettera morta.
Pertanto riproponiamo gli svarioni stradali più sensazionali contenuti nella delibera citata e mai attuata, affinché i pratesi vecchi e nuovi rivendichino il loro diritto ad una informazione stradale esatta e non approssimativa come attualmente la città propone.
Il primo cartello da sostituire è quello di Via Firenzuola che indica sia una località che uno scrittore; l’esatta dizione sarebbe Via Agnolo Firenzuola come rilevava giustamente, nel 1904, Ferdinando Carlesi (anch’esso titolare di una Via) ed invitando il Sindaco alla correzione. Ci vollero ben sette anni, ma finalmente nel 1911 il Comune deliberò la permuta della targa: è passato un secolo ma ancora non si è provveduto.
Nel provvedimento si legge: correzione per palese errore ortografico relativo a ben 13 strade tra le quali Via Francesco Beccatelli da cambiare con Giovan Francesco Becattelli; Via Anselmo Fauli da sostituire con Francesco Fauli e così via.
Altri strafalcioni ci sono in tutto il territorio, ne citiamo due ma nell’area comunale tanti sono gli sbagli per cui invitiamo i cittadini a segnalare alla redazione di “Notizie di Prato” le anomalie. Dei due il primato resta  sicuramente a Attilio Cerutti che fu rinominato Emilio, e la vicenda non finisce qui. Dopo insistenti segnalazioni fu decisa la rimozione della targa di ceramica sostituendola con quella a bandiera nascosta però dietro ad una insegna commerciale. Nuova protesta e questa volta si è superato il limite del buongusto: è stata ricollocata la vecchia targa e al posto di Emilio un bel nastro adesivo!
Il secondo caso è quello di Via Pier Cironi; in molte città italiane l’illustre pratese protagonista risorgimentale è ricordato col vero nome di Piero (ad esempio Milano) mentre nella sua città natale il nome è tronco che però fa pendant col degrado della Via. Sperando di scuotere qualche coscienza e stimolare l’amore per Prato, torneremo in futuro sul tema del decoro.

Alessandro Assirelli

8 pensieri su “LA NOSTRA STORIA/Quanti strafalcioni nella toponomastica stradale: tutti gli “orrori” che nessuno ha ancora rimosso

  1. Storia interessantissima! Collaborando nel mio tempo libero al progetto OpenStreetMap mi sono scontrato più volte con i problemi dei nomi. A volte è praticamente impossibile stabilire qual è il vero nome della via: gli stradari ufficiali possono contenere errori, i cartelli possono essere abbreviati, sbagliati, non aggiornati… la saggezza popolare? Ognuno ha la sua versione!

    Se l’autore di questo articolo ne ha la possibilità, mi piacerebbe vedere la lista completa degli strafalcioni.

    A proposito, voi come pronunciate: via Santa Trìnita o via Santa Trinità? Gran parte delle persone che conosco (specialmente quelle più anziane) pronunciano Trìnita, al punto che non ci vedrei niente di male nello stabilire che quella è la pronuncia giusta. Però di recente capita sentire sempre più persone che pronunciano Trinità, che è giusto secondo il dizionario, ma non è più il nome storico della via…

  2. La pronuncia giusta di Via Santa Trinita, è quello senza accento, con uso alla fiorentina (vedi Wikipedia per la chiesa di Santa Trinita: secondo l’uso fiorentino, che rispecchia la pronuncia latina al nominativo, ha la caratteristica pronuncia sdrucciola (Trìnita).
    ?

  3. Leggendo l’articolo la prima cosa che è venuta in mente anche a me è Via Santa Trìnita. Grazie Ghino per le delucidazioni… ora saprò di non sbagliare!! :) In vallata, a Vaiano, c’è via G.Morandi, intitolata a Giorgio… ma il risparmio ha voluto la G puntata e per tutti è via Gianni Morandi ! :D DD

  4. Ma vogliamo parlare del cartello posto sullo stradone che da Iolo fiancheggia l’Omniacenter (Viale Salvador Allende) e che indica di andare a diritto se si desidera andare a GALCIETI con la I prima della E?!!!!!!!!!!!!!! Ma come è possibile che nessuno pratese si sia accorto dell’errore prima che il cartello fosse montato come indicazione stradale!!!

  5. Non se ne accorge nessun sopratutto perchè gli incroci sono ‘devastati’ da cartelli pubblicitari di ogni tipo che deturpano la città. Sinceramente non mi son mai accorto degli strafalcioni che giustamente rammenta il sig. Assirelli forse perchè non ho sufficienti conoscenze storiche ma del degrado invecondo dei cartelli pubblicitari si. Secondo me dovremmo cominciare a togliere questi perchè, senza offesa, questa storia degli strafalcioni mi ricorda, non so perchè, le brioches di Maria Antonietta.

  6. Lancio una provocazione post-comunista:
    Si può togliere il Carlo da Via Marx e dedicarla ad un numero maggiore di Marx, ad esempio i favolosi fratelli del cinema muto americano ?

  7. L’interesse suscitato è un segnale che Prato è viva, e per questo ringrazio tutti elencando quanto rilevai durante la stesura della storia delle strade, segnalandolo al Comune con scarso successo. Aggiungo una chicca: Via Malpighi era stata attribuita a Oreste invece di Marcello!
    Queste le proposte:
    -A tutte le Vie riferite ad una data, propongo di aggiungere anche l’anno quando questa ricorda un avvenimento storico.
    -Ai toponimi relativi alle Regioni aggiungere Regione …….. es. Via Regione Veneto
    -Piazza della Pieve modificare con Piazza della Pieve a Iolo
    -Piazza Luca Vannucci modificare in Piazza Ernesto Vannucci
    -Via Amedeo Mozart correggere con Via Wolfgang Amadeus Mozart
    -Via Andrea da Quarata modificare con Via Ermenegildo Bindi alias -Andrea da Quarata
    -Via Andrea Guazzalotri correggere con Guazzalotti
    -Via Anselmo Fauli modificare in Via Francesco Fauli
    -Via Antonio Rosmini modificare in Via Antonio Rosmini Serbati
    -Via Armando Meoni da sostituire con Via Armando Maurizio Meoni
    -Via Augusto Borgioli modificare con Via Augusto e Luigi Borgioli (padre e figlio)
    -Via Bogardo Buricchi da sostituire con Via Alighiero e Bogardo Buricchi
    -Via Carlo Livi modificare con Via Carlo e Ridolfo Livi
    -Via Cefalonia aggiungere CADUTI di
    -Via Chiarina Rosatelli Chiti correggere con Chiara
    -Via del Melograno modificare in Via dei Melograni
    -Via della Previdenza con La Previdenza
    -Via Duccio da correggere con Via Duccio di Amadore
    -Via Firenzuola da correggere in Via Agnolo Firenzuola
    -Via Francesco Beccatelli da sostituire con Via Giovan Francesco Becattelli
    -Via fratelli Ventura da sostituire con Via Benito e Domenico Ventura
    -Via Giulio Dolci modificare con Via Giulio e Guido Dolci
    -Via Luigi Braille correggere con Louis
    -Via Giovan Battista Morgagni correggere con Via Giambattista Morgagni
    -Via Mozza sul Gorone – Togliere Gorone in quanto prosecuzione di Via Mozza
    -Via Pier Cironi – rinominare Via Piero Cironi
    -Via Puccetti modificare in Via dei Puccetti
    -Via Raimondo Targetti modificare con Via Raimondo e Ferdinando Targetti
    -Via Rosa Gattorno modificare Via Anna Rosa Gattorno
    -Via Sebastiano Caboto modificare con Via Giovanni e Sebastiano Caboto
    -Via Sedici Aprile modificare con Via Sedici Aprile 1992
    -Via Sette Marzo modificare in Via Sette Marzo 1944
    -Via Settesoldi aggiungere Ezio e Benvenuto
    -Via Tiziano modificare in Via Tiziano Vecellio
    -Via Tommaso di Piero modificare in Via Tommaso di Piero trombetto
    -Via Val d’Aosta con Regione Valle d’Aosta
    -Via Wilmar Parrini da modificare in Via Vilmer Parrini
    -Via Maroncelli Pietro cambiare con Piero
    -Via Morgagni Giovan Battista cambiare con Giambattista
    -Via Neaionia cambiare in Via Nea Ionia
    -Via Luigi Pasteur sostituire con Louis
    -Via Rossi Giovacchino sostituire con Gioacchino
    -Via Rota Nino cambiare con Giovanni
    -Via Tiziano aggiungere Vecellio
    -Vicolo dei Bizzocchi togliere una C
    -Via Ciliegia aggiungere della Ciliegia
    -Via Valeria Crocini non Vialeria
    -Piazzale Della Filimortula della minuscolo
    -Via di Giolica alta togliere la preposizione
    -Piazzale pietro Giusti maiuscolo il nome proprio
    -Via Nicolo’ Machiavelli il nome con doppia C
    -Via Della Macine della minuscolo
    -Piazzale Del Romito del minuscolo
    -Piazzale Di Sorniana di minuscolo
    -Via Vialeria Tozzini non Vialeria
    -Via Santa Trinita’ non accento
    -Via Sulla Vella sulla minuscolo
    -Via Natalia Ginzburg modificare Levi- Ginzburg
    -Via Ettore Sambo modificare con Ettore e Maria Sambo

    Segnalo infine, tra i tanti, due fatti di grave trascuratezza che andrebbe severamente sanzionata: la presenza di DUE Via Elio Danesi, quella assegnata dal Comune nella zona di Maliseti, l’altra indicante un accesso interno, all’inizio di Via Curtatone immediatamente dopo il sottopasso della ferrovia.