Nella lotta ai tumori il “campanile” passa in secondo piano: Ant di Prato si allea con quella di Firenze per una serie di iniziative comuni

Matteo Cecconi presidente Ant Prato

Prato e Firenze, per una volta, insieme. La causa, in effetti, permette di superare le solite diatribe campanilistiche: trovare risorse per aiutare l’Ant (Associazione Nazionale Tumori). La delegazione pratese e quella fiorentina di questa organizzazione, che dal 1978 presta assistenza domiciliare gratuita ai malati di cancro.
“Il primo appuntamento – spiega l’avvocato Matteo Cecconi, da poco nominato responsabile del fund raising e del social marketing della delegazione di Prato e di quella di Firenze – per far ripartire la raccolta fondi sarà una cena di gala presso il Grand Hotel di Firenze. Al termine del momento conviviale si terrà una sfilata e un’asta di abiti di Ferragamo. Il 22 dicembre, inoltre, a Villa Poggio Imperiale, avrà luogo il Ballo delle Debuttanti: per l’occasione i cavalieri saranno i giocatori della Primavera della Fiorentina”.
Molto presto, inoltre, anche Prato promuoverà alcune iniziative in, per così dire, autonomia. “La struttura pratese di Ant – ricorda Cecconi – è di recente formazione e, per il momento, i grandi eventi di raccolta fondi li stiamo realizzando assieme a Firenze. Ciò non toglie che stiamo organizzando, per i prossimi mesi, alcune iniziative da soli, come i mercatini di Natale e alcuni tornei di burraco. In primavera, inoltre, la città dovrebbe ospitare a sua volta una cena di gala e stiamo programmando una corsa podistica”.
Occorre ricordare, infine, che l’Ant a Prato gestisce da alcuni anni il Cantuccio Ant, un negozio, situato in via Boni 5, dove sono venduti oggetti di tutti i tipi (dai vestiti, ai computer, passando per i complementi d’arredo ecc. ecc.) donati dai sostenitori dell’organizzazione al fine di raccogliere risorse per assistere a domicilio i malati di tumore.
Chi fosse interessato a sponsorizzare, promuovere o partecipare alle prossime iniziative dell’ANT a Prato può rivolgersi all’avvocato Matteo Cecconi (matteo.cecconi@studiogiovannelli.it).

I commenti sono chiusi.