Omicidio via Marx, Alban ucciso con tre colpi: forse aveva un appuntamento con l’assassino, si scava nei tabulati telefonici



Tre colpi secchi erano stati uditi da molti testimoni intorno alla mezzanotte di sabato scorso e i fori di tre proiettili sono stati trovati sul corpo di Alban Deliu, l’albanese di 27 anni rinvenuto cadavere ieri mattina nei giardini di via Carlo Marx (vedi articolo). L’autopsia eseguita questa mattina ha chiarito come sia morto il giovane: due proiettili lo hanno raggiunto al fianco e uno ha trapassato il cuore, l’ultimo è stato il colpo di grazia alla nuca. Uno scenario da vera e propria esecuzione e di questo stanno tenendo conto gli investigatori della Squadra mobile che da ieri mattina ascoltano parenti e amici di questo ragazzone che tutti descrivono come un bravo ragazzo, sempre disponibile ad aiutare tutti.
Adesso resta da capire chi lo abbia ucciso. E in un’indagine che è ancora ad ampio raggio, acquista sempre più importanza l’episodio avvenuto una settimana fa e raccontato già ieri mattina da numerosi residenti nella zona. In quell’occasione Alban Deliu era stato coinvolto in una rissa con alcuni connazionali, che lo avevano picchiato selvaggiamente. Ai poliziotti Alban disse che era stato picchiato perché gli rimproveravano di spacciare droga. Circostanza negata risolutamente dal 27enne, che fino ad ora si era messo nei guai più per qualche bravata legata alla sua passione per il Soft Air, la guerra simulata, che per fatti gravi.
Ma è certo che da qualche mese la vita di Alban era cambiata. Dopo l’estate si era interrotta la storia d’amore con la ragazza italiana che gli aveva dato una figlia. Il giovane albanese era quindi tornato a vivere al Soccorso, ma non dalla madre o dalla sorella, bensì in un piccolo appartamento. Sabato sera, poi, era stato a cena proprio a casa dalla sorella, da dove si era allontanato intorno alle 23.30, giusto poco prima di venire ucciso. L’ipotesi è che avesse un appuntamento con qualcuno e proprio per questo gli investigatori stanno spulciando nella memoria e nei tabulati del telefonino di Alban. Nel video il servizio del Tg di Tv Prato.

I commenti sono chiusi.