Per la sua decima stagione il Teatro Vittoria ha messo in cantiere un cartellone che spazia dal sacro alla commedia in vernacolo

Il Teatro Vittoria festeggia la sua decima candelina con una stagione all’insegna del cambiamento. Il decimo anno delle attività teatrali della Parrocchia di Coiano coincide infatti con il passaggio di consegne per l’arrivo di un nuovo parroco, monsignor Nedo Mannucci, che succederà a Don Andrea Cerretelli. Per questa coincidenza delicata il Vittoria ha deciso di allestire un cartellone che va dal classico al moderno, per accontentare i gusti di tutti.
Si comincia il 29 ottobre alle 21:15, con “Io: Pablo Neruda”, un vero  e proprio viaggio interiore attorno a questo incredibile poeta, strutturato con la lettura di testi, liriche, citazioni e racconti. A dicembre (il 17, il 18 e il 26) torneranno le pièce in vernacolo, con le compagnie “Quarta Parete” e “Trovarobe”che si uniranno per dare vita a “La zona tranquilla”, per la regia di Marco Romagnani. La ricetta è quella di sempre: gag, battute ed equivoci a raffica per una serata all’insegna del grande divertimento.
Il 2012 partirà con un altro spettacolo in vernacolo: il 28 e 29 gennaio la compagnia “Prato e dintorni” metterà in scena “I’ terno a i’ lotto”, commedia di Antonella Zucchini.
Nel periodo della Pasqua, tra marzo e aprile, verrà proposto “Processo a Gesù”, noto dramma di Diego Fabbri, riadattato e diretto da Stefano Giacomelli; un’indagine sul rapporto tra Gesù e gli uomini condotta in maniera critica e combattuta. Una rivisitazione che, di fronte ai drammi dell’umanità e alla più grande tragedia perpetrata dall’uomo, la crocefissione di Gesù, è stata capace di creare un dibattito tormentato in grado di scuotere le coscienze di tutti, indipendentemente dal credo.
In chiusura di stagione, oltre agli appuntamenti con le “Cene con Delitto”, avremo il piacere di assistere ad una vera e propria bomba comica: “Il mistero dell’assassino misterioso”, dal testo di Lillo e Greg e per la regia di Stefano Giacomelli. Una commedia scelta per onorare il teatro italiano, cosa che gli anni scorsi aveva lasciato il passo in favore di testi americani o inglesi.
Un cartellone ricco di eventi e soprattutto di grandi commedie, per ridere e divertirsi insieme. Per informazioni sui prezzi e sulla stagione visitare il sito www.vittoriateatro.blogspot.com.

Elia Frosini

I commenti sono chiusi.