Val di Bisenzio: la Comunità montana non esiste più e lascia il posto all’Unione dei Comuni

Il sindaco di Vernio Cecconi con il presidente Ciani

La Comunità Montana, costituita nel 1973, cambia pelle in base ai nuovi dettati di legge e diventa Unione dei Comuni. Il nuovo ente è nato ufficialmente ieri, con la firma dei sindaci di Vaiano, Vernio e Cantagallo. La nuova assemblea – composta da nove membri (tre per ciascun comune) – nominerà a breve presidente l’attuale commissario liquidatore della Comunità montana Marco Ciani, il quale resterà in carica fino alla fine della legislatura. Nel 2014 con le prossime elezioni amministrative, sarà uno dei tre nuovi sindaci della Val di Bisenzio, ad assumere la presidenza dell’Unione dei Comuni.

“La Comunità Montana non muore, ma si trasforma in un ente più snello al servizio dei cittadini – afferma Marco Ciani -. Sarà un braccio operativo che in un ambito attuale ed omogeneo darà risposte importanti alle persone che vivono in questi territori”.
Dal Corpo unico della polizia municipale al catasto, dagli appalti ai concorsi, i tre comuni della Val di Bisenzio hanno già costituito gestioni associate per oltre 20 servizi. Con l’Unione dei Comuni ne arriveranno altre: Sportello unico attività produttive, anagrafe e politiche giovanili. “Avremo la possibilità di costruire politiche comuni, di lavorare meglio e soprattutto di presentare la vallata nel suo complesso in modo unitario – afferma il sindaco di Vaiano Annalisa Marchi – L’Unione dei Comuni ci permetterà di trovare risorse per nuovi servizi e di promuovere insieme lo sviluppo economico del nostro territorio”.

I commenti sono chiusi.