Stasera il concerto “patriottico” della Camerata Strumentale: il programma dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia

Per la prima volta sarà integralmente ripreso dalle telecamere di Toscana Tv il concerto lirico sinfonico della Camerata strumentale Città di Prato, che stasera (mercoledì 7 settembre) alle 21.30 in piazza Duomo aprirà i festeggiamenti del Corteggio storico 2011. Un concerto speciale, dedicato al  150° anniversario dell’Unità d’Italia, che sarà trasmesso sull’emittente televisiva venerdì 9 settembre (ore 21.45), con la regia e il commento del critico musicale Goffredo Gori, in omaggio alla ricorrenza e ad una delle migliori orchestre d’Italia, che  ormai da tre anni inaugura il Corteggio.

Il concerto della Camerata in piazza Duomo

Il programma è all’insegna del Tricolore, con brani del repertorio operistico italiano dell’800 e legati al Risorgimento che hanno contribuito a creare la coscienza musicale nazionale del popolo italiano. L’apertura del concerto non poteva che essere l’ Inno di Mameli, seguito dalla Sinfonia e da Casta Diva tratti da Norma  di Vincenzo Bellini. Si prosegue poi con l’immancabile Giuseppe Verdi, protagonista assoluto della nascita dell’Italia: le sinfonie tratte da Nabucco e da La forza del destino, l’aria «Tu che le vanità» da Don Carlo e infine la sinfonia de I vespri siciliani. In programma anche un omaggio alla Festa della Madonna del Sacro Cingolo con la toccante Ave Maria tratta dall’Otello di Verdi. Dirige Alessandro Pinzauti, soprano Maria Billeri.
Per l’evento il Comune di Prato allestirà in piazza Duomo una gradinata da 1.100 posti, il doppio dell’anno scorso, più altri 500 riservati alle autorità e alle delegazioni ospiti del Corteggio storico. L’ingresso è libero.

Da Paolo Poli a Vincenzo Salemme: nonostante la crisi il Politeama si conferma con un super cartellone

La stagione 2011/2012 del teatro Politeama Pratese ha dell’incredibile: nonostante la situazione quantomai impervia dei finanziamenti e i numerosi oneri economici da sostenere, lo staff capitanato da Roberta Betti è riuscito anche stavolta a proporre alla platea un anno gustosissimo, mantenendo i prezzi invariati.
Sarà Paolo Poli a dare il via alle danze: sabato 5 e domenica 6 novembre il sipario si alzerà su “Il mare”, spettacolo scritto e diretto da questo attore straordinario, che canterà e ballerà per noi raccontando contemporaneamente il Novecento della nostra Italia.
A novembre sarà la volta della grande musica, con Antonella Ruggiero (19/11) che presenterà il suo “Contemporanea Tango” assieme all’Ensemble Hymperion e agli accattivanti passi di danza dei ballerini Patrizia Carrazco e Pablo Linares. Questo stesso mese la Compagnia della Rancia salirà sul palco con il musical “Happy Days”, tratto dalla serie tv famosa in tutto il mondo. Dopo il grande divertimento con Richie Cunningham e Fonzie, dicembre ci offrirà il travolgente Paolo Ruffini, che, con Arianna Bergamaschi e Justine Mattera, avrà un ruolo in “Tre cuori in affitto”, diretto da Gianluca Guidi. Il giorno del patrono (26/12) ci attende un piacevole ritorno: Massimo Ranieri calcherà per l’ennesima volta il palco del teatro di via Garibaldi con “Canto perché non so nuotare”, spettacolo in cui l’artista partenopeo canterà, ballerà e reciterà per noi.
Il 2012 si aprirà con “Alice nel paese delle meraviglie” (7 e 8/01), un musical che porta in scena il famoso romanzo di Lewis Carrol; il 21 e 22 gennaio Tosca D’Aquino, Roberta Lanfranchi e Samuela Sardo saranno le protagoniste di “Smettila di piangere Penelope!”, versione adattata della brillante commedia che a Parigi è andata in scena per oltre tre anni consecutivi.
E ancora, a febbraio potremo assistere a ben tre spettacoli: “La mostra”, con Simona Marchini per la regia di Gigi Proietti, il 4 e il 5; “Melevisione in tour”, spettacolo per bambini, domenica 12; “La Cage aux Folles”, musical americano riadattato, il 18 e il 19. La stagione chiuderà a marzo, con il grande Vincenzo Salemme che interpreterà “L’astice al veleno”, commedia scritta e diretta da lui stesso.
Un programma di tutto rispetto, che conferma l’impegno di tutto il teatro. Ma l’atmosfera non è delle più rosee, come conferma la Betti: “Se il governo continuerà a tagliare fondi al Comune e alla Provincia, chissà come faremo a sopravvivere; – chiosa con preoccupazione – inoltre gli sponsor hanno abbassato lievemente i loro contribuiti a causa della recessione. Il sostegno, da parte di tutti,  è sempre più esiguo”.
Da qui parte un appello a tutti i cittadini: “Roberta ha fatto un miracolo anche stavolta, ma far vivere il Politeama dev’essere una sfida di tutti. Sarebbe bello se, per Natale, invece del panettone o di qualche regalo, la gente regalasse un biglietto per il teatro: la cultura si sovvenziona anche così!”. Ora che il teatro non può più appellarsi alle grandi risorse, si spera che si possa andare avanti grazie “al poco di molti, che può fare tanto”, come dice il consigliere Nardi.

Elia Frosini

Al Castello dell’Imperatore si rivivono in musica i 150 anni dall’Unità d’Italia con il gruppo Tuscae Gentes

Ultimo appuntamento per i “Concerti d’agosto” al Castello dell’Imperatore che vedono sul palco, insieme ad altri artisti, gli insegnanti della Scuola comunale di Musica Verdi, nell’ambito della Prato Estate organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune.
A concludere la rassegna stasera, lunedì 29 agosto, sempre alle 21,30 e a ingresso libero, sarà il gruppo toscano Tuscae Gentes con il suo nuovo spettacolo “150 e oltre”, tratto dall’omonimo Cd, uscito in occasione delle celebrazioni dell’unità d’Italia. Sul palco saranno protagonisti  Daniele Poli (chitarra, voce, armonica a bocca, duddero) – leader del gruppo formato alla Scuola Verdi dove insegna chitarra classica -, Lucia Sciannimanico (voce), Ugo Galasso (flauti, ocarina, piffero, clarinetto, cori), Giuseppe Cornacchia (fisarmonica, cori), Nicola Mitolo (violino), Francesco Castagnoli (contrabbasso), Rocco Zecca (cucchiai, tamburello, percussioni, cori), Lea Galasso (violoncello).
Nel concerto, Tuscae Gentes interpreta gli eventi risorgimentali in un percorso che prende le mosse negli ultimi anni del ‘700 per concludersi con la guerra di liberazione, attraverso varie chiavi di lettura. Dai brani proposti emergono sia i punti di vista “ufficiali” (Camicia rossa, O Venezia), sia quelli che provocarono autentici scandali (Gorizia), unitamente ai luoghi ed ai protagonisti della grande storia che talvolta si intrecciano con realtà locali e personaggi minori. A fare da contraltare ai canti patriottici e d’azione, le voci al femminile che con toni forti e crudi maledicono chi la guerra ha voluto a discapito dei più deboli.

Gianni Morandi terrà un concerto gratuito a Montepiano: appuntamento il 18 agosto

Un concerto gratuito per poi utilizzare alcune scene nel film che in questi giorni viene girato tra Montepiano e Mangona. L’appuntamento per tuti i fan di Gianni Morandi è il 18 agosto, alle 14, al campo sportivo di Montepiano. Il concerto, naaturalmente, è gratis e  gli spettatori avranno anche la posisbilità di rivedersi poi sul grande schermi, Gianni Morandi è infatti impegnato in queste settimane nelle riprese del film “Padroni di casa”, ambientato proprio sull’Appennino pratese. Nella trama del film, diretto da Edoardo Gabbriellini, prevede anche un concerto e il regista ha scelto di filarlo dal vero. Morandi si esibirà, quindi, con alcuni dei suoi  principali successi e con due pezzi di Cesare Cremonini scritti appositamente per il film, che annovera un cast di primordine con Valerio Mastandrea, Elio Germano, Valeria Bruni Tedeschi.
Gianni Morandi nella pellicola interpetra un grande artista che, per seguire la moglie inferma, ha abbandonato le scene e si è ritirato a vivere nel suo paese d’origine dove, dopo dieci anni, tornerà al pubblico proprio con il concerto che verrà filmato il 18 agosto.

Un concerto gratuito per poi utilizzare alcune scene nel film che in questi giorni viene girato tra Montepiano e Mangona. L’appuntamento per tuti i fan di Gianni Morandi è il 18 agosto, alle 14, al campo sportivo di Montepiano. Il concerto, naaturalmente, è gratis e  gli spettatori avranno anche la posisbilità di rivedersi poi sul grande schermi, Gianni Morandi è infatti impegnato in queste settimane nelle riprese del film “Padroni di casa”, ambientato proprio sull’Appennino pratese. Nella trama del film, diretto da Edoardo Gabbriellini, prevede anche un concerto e il regista ha scelto di filarlo dal vero. Morandi si esibirà, quindi, con alcuni dei suoi  principali successi e con due pezzi di Cesare Cremonini scritti appositamente per il film, che annovera un cast di primordine con Valerio Mastandrea, Elio Germano, Valeria Bruni Tedeschi. Gianni Morandi nella pellicola interpetra un grande artista che, per seguire la moglie inferma, ha abbandonato le scene e si è ritirato a vivere nel suo paese d’origine dove, dopo dieci anni, tornerà al pubblico proprio con il concerto che verrà filmato il 18 agosto.

Al Castello c’è “Steveland”, l’omaggio della Scuola Verdi agli esordi del grande Stevie Wonder

Continuano i concerti d’agosto a ingresso libero al Castello dell’Imperatore che vedono sul palco, insieme ad altri artisti, gli insegnanti della Scuola comunale di Musica Verdi.
Il prossimo appuntamento è per stasera lunedì 8 agosto alle 21.30 con Steveland. La musica ed il tempo del fervente Stevie Wonder con Claudia Tellini (voce), Riccardo Galardini (chitarre), Emanuele Parrini (violino),  Nicola Vernuccio (contrabbasso), Walter Paoli (batteria ed effetti elettronici) per un omaggio alla musica del grande artista.
Nei primi anni ’70 un ispiratissimo e fervente Stevie Wonder sfornava i primi album della sua meravigliosa e ineguagliabile carriera artistica. Nelle sue canzoni parlava di diritti umani, di uguaglianza, di integrazione, di sfruttamento scellerato delle risorse naturali, di una gioventù in bilico fra vizio e virtù. Il quintetto di Claudia Tellini, Steveland, ci offre un saggio della ricchissima produzione musicale dell’artista, integrandola con citazioni da autori come Pasolini e Orwell, che su questi temi hanno offerto visioni amaramente profetiche. La band ha lavorato sul suono e sugli arrangiamenti arrivando a proporre una sintesi originale ed un proprio riconoscibile sound di un grande classico come Stevie Wonder. Insieme a Claudia Tellini, una delle più belle voci del panorama jazz nazionale, sul palco anche due musicisti pratesi, il batterista Walter Paoli e Riccardo Galardini, insegnante di chitarra alla Scuola Verdi.

Al Centro Pecci stasera il concerto del travolgente duo Igudesman & Joo, musicisti comici che mettono in ridere la musica classica

Sono ancora disponibili i biglietti per il concerto di Aleksey Igudesman e Hyung-ki joo, il duo di musicisti-comici che, al pianoforte e violino, tentano di abbattere le frontiere della musica classica con sketch comici. Il divertente duo, dopo la serata di alla Versiliana, sarà ospite a Prato,  stasera (mercoledì 3 agosto) all’anfiteatro del Centro Pecci alle 21.30, nell’ambito delle iniziative di Prato Estate. Il duo Igudesman & Joo ha travolto il mondo con i suoi spettacoli, un’esilarante miscela di musica classica, commedia e cultura popolare. D ue veri e propri artisti che vanno in giro per il mondo mettendo in scena autentici capolavori in chiave comica, trascinando il pubblico con i loro duetti esilaranti.
I biglietti, al prezzo particolarmente vantaggioso di 10 euro più diritti di prevendita, possono essere acquistati nei punti vendita del circuito regionale Box Office,  on line sul sito www.ticketone.it  oppure direttamente alla cassa la sera del concerto.

Il pratesi Grand Carabs sul palco della Corte delle Sculture chiudono il ciclo di concerti estivi

Con la musica rock del gruppo pratese Grand Carabs,  stasera 2 agosto si concludono i concerti alla Corte delle Sculture della Lazzerini organizzati dall’assessorato alla Cultura del Comune nell’ambito di Prato Estate.  Sul palco, alle 21,30 e a ingresso libero, una band che esprime una potente forza comunicativa, con Fabio Tarocchi alla voce, Lorenzo Nunziati alla chitarra, Mirko Verrengia al basso, Marco De Cotiis al sax e Alberto Castellani alla batteria.
Dopo l’album d’esordio del 2009 “A fuoco lento” prodotto da Danza Cosmica, che ha ottenuto ottime recensioni e che li ha portati a esibirsi nei principali Live Club di Toscana e Emilia Romagna, la band pratese ha lavorato alla composizione di nuovi pezzi e alla ricerca-consolidamento dell’identità del suono. Se “A fuoco lento” si presentava infatti come un cocktail esplosivo e bizzarro di un ‘rock jazzato’, che strizzava l’occhio a Buscaglione e Capossela, il suono dei Grand Carabs si caratterizza ora per una maggiore semplicità, con una matrice dal rock più aggressivo, sintetico e zeppo di caffeina, con influenze che richiamano l’immediatezza dei Morphine e l’allucinata forza comunicativa dei Csi.
I testi, rigorosamente in italiano, si attualizzano nelle tematiche affrontando, con registro dell’ironia, argomenti scomodi come la dipendenza dall’alcool, il confronto generazionale, il boom dei centri commerciali, la pornografia del quotidiano, l’assenza di radici con passato.

Al Castello dell’Imperatore quattro appuntamenti in musica con la Scuola Verdi

Gli appuntamenti con la musica di qualità del cartellone della Prato Estate continuano anche ad agosto con quattro serate speciali al Castello dell’Imperatore che vedono sul palco, insieme ad altri artisti, gli insegnanti della Scuola comunale di Musica Verdi. Un omaggio agli artisti pratesi e alla scuola Verdi, che ha un ruolo così importante nella promozione della musica in città. Tutti i concerti iniziano alle 21.30 e sono a ingresso libero. Ma ecco il programma nel dettaglio. Si parte domani lunedì 1° agosto con “Super rock&roll jam” con Marco Di Maggio (chitarra e voce), Matteo Giannetti (contrabbasso) e Davide Malito Lenti (batteria) in uno spettacolo all’insegna dei classici del rock and roll. Si continua l’8 agosto con “Steveland. La musica ed il tempo del fervente Stevie Wonder” con Claudia Tellini (voce), Riccardo Galardini (chitarre), Emanuele Parrini (violino), Nicola Vernuccio (contrabbasso), Walter Paoli (batteria ed effetti elettronici) per un omaggio alla produzione musicale dell’artista. Insieme alla Tellini, una delle più belle voci del jazz nazionale, sul palco anche due musicisti pratesi, il batterista Walter Paoli e Riccardo Galardini, insegnante di chitarra alla Scuola Verdi. L’appuntamento successivo è il 18 agosto con il “Mainieri Galati quartet” con Mike Mainieri (vibrafono), Alessandro Galati (pianoforte), Gabriele Evangelista (basso), Stefano Tamborrino (batteria). Alessandro Galati, raffinato pianista e insegnante di piano jazz alla Verdi, e Mike Mainieri proporranno proprie composizioni e originali arrangiamenti di noti standards americani. La rassegna si conclude il 29 agosto con Tuscae Gentes in “150 e oltre storie d’Italia”, il nuovo spettacolo del gruppo toscano tratto dall’omonimo Cd uscito in occasione delle celebrazioni dell’Unità d’Italia. Sul palco, insieme a Daniele Poli alla chitarra, voce, armonica a bocca e duddero – leader del gruppo e insegnante di chitarra classica alla Verdi – , Lucia Sciannimanico (voce), Ugo Galasso (flauti, ocarina, piffero, clarinetto, cori), Giuseppe Cornacchia (fisarmonica, cori), Nicola Mitolo (violino), Francesco Castagnoli (contrabbasso), Rocco Zecca (cucchiai, tamburello, percussioni, cori), Lea Galasso (violoncello).

La compagnia Gli Sconvolti al circolo di Paperino per replicare il successo della commedia in vernacolo “Basta che sian di fori…”

A grande richiesta, dopo il successo ottenuto nelle precedenti rappresentazioni alla Tenda a Mezzana e al circolo Le Fontanelle, la compagnia teatrale Gli sconvolti torna a riproporre la sua commedia “Basta che sian di fori…”. L’appuntamento è per stasera (venerdi 29 luglio alle ore 21.15) al circolo Culturale di Paperino, in via dell’Alloro 14. Si tratta di uno spettacolo esilarante in vernacolo, con ingresso gratuito.
La commedia si svolge in un agriturismo toscano dove arrivano degli ospiti che daranno non pochi problemi ai gestori. Le vicende dei personaggi si alternano intersecandosi tra loro fino a far diventare tutti matti. E siccome, come dice il proverbio, non c’è due senza tre, ecco che Gli Sconvolti provano a replicare anche a Paperino il successo riscosso nelle prime due messe in scena dello spettacolo.

Maila Ermini porta a Luicciana il suo “Anito e Garibalda”, feroce satira sulla moda imperante dei reality

Fa tappa in Val di Bisenzio lo spettacolo “Anito e Garibalda”, scritto e interpretato da Maila Ermini con Gianfelice D’Accolti. L’appuntamento è per stasera (giovedì 28 luglio, ore 21,30) presso lo spazio polivalente Don Balleri a Luicciana, Cantagallo. “Anito e Garibalda” già rappresentato con successo in varie parti della provincia, è, come dicono gli autori, “una commedia da ridire contro i reality da piangere”. Una sorta di ribellione del vecchio teatro contro questa nuova forma di spettacolo.
“Il teatro – si legge nella nota di presentazione – grande nemico della televisione, e soprattutto di questa televisione, apparentemente disarmato e povero ma in realtà fortissimo e tenace, non può far altro che attaccarlo e fargli gli sberleffi. “Anito e Garibalda” è la prima commedia parodia dei realiti, che regnano incontrastati. La storia si svolge in uno studio cine-televisivo, dove  si decide di organizzare un realiti a tema storico e si approfitta delle celebrazioni dell’Unità d’Italia per far ripercorrere agli interpreti il viaggio dei Mille cambiando, come in un gioco, il sesso di quelli che furono i protagonisti storici. Il tono surreale e grottesco, il tono da iperrealtà tipico dei realiti, rende la commedia divertente e beffarda. Il riferimento comico è, per far capire, ai Monty Pyton ma anche a Boris Vian. La morale? La televisione riesce a banalizzare anche la Storia. Anzi forse soprattutto quella”.

L’omaggio di Danilo Rea alle canzoni di De Andrè: il concerto del pianista all’Anfiteatro del Pecci

Si terrà stasera 26 luglio alle 21,30, nell’anfiteatro del Centro Pecci, il concerto di Danilo Rea “Tributo a De André”: un omaggio al grande cantautore genovese in un concerto di piano solo di uno dei pianisti più talentuosi a livello internazionale.
Spogliate dal significato effettivo della parola, le canzoni di De André diventano l’ideale ispirazione per la grande forza creativa di Rea che qui si muove fra brani intramontabili per arrivare a passaggi di puro free jazz. Ne scaturisce un magnifico tributo alle canzoni di De André, traboccante di melodia e di tecnica straordinaria, un lavoro del tutto personale e originale. Ne scaturisce un magnifico tributo alle canzoni di De André, traboccante di melodia e di tecnica straordinaria, un lavoro del tutto personale e originale.
I biglietti, al prezzo di 7 euro più diritti di prevendita, possono essere acquistati nei punti vendita del circuito regionale Box Office,  on line sul sito www.ticketone.it  oppure direttamente alla cassa la sera del concerto.

Giovanni Fochi rilegge il “Gattopardo”: al Prato Nord Festival la lettura scenica in costume delle pagine più belle del romanzo

Per i suoi tanti rimandi al Risorgimento e per l’ambientazione, il “Gattopardo” è considerato da molti un romanzo storico. Alle sue pagine più famose, Giovanni Fochi, ha deciso di dedicare una mise en espace, nella forma di una lettura scenica  – a più voci – in costume. Lo spettacolo dal titolo “La zampata del Gattopardo”, sarà preceduto da un’introduzione storica di Giovanni Capecchi, è andrà in scena stasera (martedì 26 luglio) al Teatro Giardino Lippi di via Corridoni (ore  21,30), ingresso 5 euro.
«Quest’anno abbiamo dedicato il nostro cartellone ai 150° anni dell’Unità d’Italia- spiega Giovanni Fochi- Una ricorrenza che festeggeremo attraverso le glorie dello ciclismo e alcune letture sceniche, ispirate a pagine significative della nostra letteratura. Questa mise en espace nasce come un omaggio al Gattopardo. Un testo,  per certi versi, considerato anche “polemico” nei confronti dell’unità del paese: il principe di Salina, nel suo dialogo con Chevalley, non nasconde un po’ di scetticismo nei confronti dei miglioramenti apportati dal nuovo Regno… ».
«La mia sarà un’introduzione storica – aggiunge invece Giovanni Capecchi, curatore della rassegna “Scritture in corso” del Prato Nord Festival- una specie di romanzo del romanzo, per preparare i presenti all’ascolto della lettura».

Si chiude alla Corte delle Sculture la rassegna delle giovani orchestre sinfoniche: dal Belgio arriva la Harmonieorkest

Con l’orchestra belga Demer en Laak stasera venerdì 22 luglio alle 21,30, si conclude la fortunata rassegna delle giovani orchestre sinfoniche programmata alla Corte delle Sculture della Lazzerini all’interno di Prato Estate. Frutto di un’importante collaborazione nata quest’anno fra il Comune di Prato e l’Accademia San Felice di Firenze, la rassegna  è riuscita a portare in città  il meglio delle orchestre sinfoniche europee, riscuotendo un caloroso apprezzamento da parte del pubblico. Stasera arriverà quindi a Prato la Harmonieorkest Demer En Laak, un’eccezionale formazione di fiati nata in Belgio nel 1980 con l’obiettivo di avvicinare i giovani alla musica di qualità. Ancora oggi, dopo trent’anni, questi principi ne costituiscono il marchio. L’esibizione sarà diretta dal Maestro Sven Creyns e proporrà un entusiasmante programma che spazia da Cinema Paradiso di Ennio Morricone al Gran Finale, Atto II tratto dalla celebre Aida di Giuseppe Verdi. Il concerto, a ingresso libero, inizierà alle 21.30

La kermesse Univercity chiude con un doppio concerto: sul palco “Le Zooxantelle” e Sam Paglia

Emozioni in musica ma non solo sono quelle che regala la terza e ultima giornata di “Univercity” (oggi venerdì 22 luglio) con due concerti da non perdere e una presentazione di libri. Un tuffo nella lettura darà il via domani alla maratona di appuntamenti: la giornalista Maria Michela Mattei introdurrà (ore 19) l’autore Luca Bianchini, di professione copywriter e pubblicitario, autore del volume “Siamo solo amici”, edito da Mondadori. Una commedia agrodolce sulla difficoltà di comunicare e sulle possibilità di amare. Le luci si accenderanno sul palco alle 21.30 con l’esibizione sul palco de “Le Zooxantelle”, formazione che mischia con allegra disinvoltura il jazz americano degli anni Sessanta con le melodie della musica da ballo. La rassegna si chiude in bellezza con il concerto di Sam Paglia (ore 22.30), icona della cosiddetta lounge music ma soprattutto l’esponente più originale dell’organo Hammond.

Concerto polifonico nel chiostro del Duomo: si esibisce la corale di Santa Maria a Colonica

Due concerti polifonici nel chiostro del Duomo. Sono due appuntamenti proposti dal canonico Romano Faldi, responsabile dell’Istituto diocesano di musica sacra. Sul palco il Gruppo corale di Santa Maria a Colonica che si esibirà stasera giovedì 21 luglio e 28 luglio, questa volta insieme al coro Homo Quidam. Con inizio alle 21,15.
Nel corso della prima serata sarà possibile ascoltare musica rinascimentale e contemporanea di compositori che spaziano da Giovanni da Palestrina a Mendelsshon, da Mozart a Bardos. Il coro femminile, composto da sedici elementi, proporrà tre diverse versione dell’Ave Maria, firmate da Monteverdi, Brahms e Kodaly.
La seconda serata, quella del 28 luglio, è di scena il canto gregoriano, «il canto proprio della Chiesa – spiega il canonico Romano Faldi, direttore e fondatore dei due cori – e se vogliamo l’origine stessa della musica». Insieme alle donne del coro di S. Maria a Colonica, si esibiranno le sette voci maschili Homo Quidam. Il repertorio è in latino ed è quello classico delle antiche celebrazioni liturgiche. Alcuni brani, come il Kyrie, il Sanctus e l’Agnus Dei, i due cori si esibiranno insieme creando antiche e profonde suggestioni. Chiude la serata il canto del Salve Regina.
«Le due serate – aggiunge il canonico Faldi – saranno anche occasione per visitare e riscoprire lo splendido “chiostrino” del duomo, che solitamente rimane chiuso e non utilizzato per questo tipo di manifestazioni»..

Seconda giornata di Univercity tra la satira di Spinoza.it e la musica degli One Dimensional Man

Continua il cartellone di “Univercity – Nuove connessioni urbane”, festival organizzato da Arteriosa e Fonderia CultArt che da ieri ha mobilitato grandi presenze nello spazio di Piazza dell’Università.
Dopo la prima giornata, la programmazione della rassegna entra nel vivo e propone un’altra giornata di grandi iniziative: dalle ore 19:30 partiranno gli eventi, con l’incontro con gli autori di “Spinoza.it”, il blog di satira più seguito di tutta Italia. Nominato miglior blog italiano nel 2009 e nel 2010, da ormai quasi sei anni diverte i lettori con una selezione di battute che prendono di mira il panorama politico e sociale del nostro paese.
Alle ore 21:30 comincia la grande musica, con l’esibizione dei “Lola’s dead”, progetto nato nel 2004 con il nome di “Die fesche Lola”, dal titolo di un motivetto reso famoso dall’attrice Marlene Dietrich. Dopo la produzione di un demo nel 2004, tra il 2006 e il 2007 viene registrato l’EP autoprodotto “Lontano… e oltre”; tornati al lavoro nel 2009, a marzo di quest’anno uscirà “Those Who”.
Una grande band, che aprirà la serata e introdurrà la performance di un altro gruppo, gli “One Dimensional Man”, un power trio nato nel ’95 dallo stile molto vicino alla scuola Touch and Go. Dal ’98 diventa no dei gruppi di riferimento della scena rock indipendente italiana, con centinaia di concerti affollatissimi di giovani e appassionati. A causa di dissapori tra i membri della band, circa sei anni fa il gruppo si sciolse per dare vita ad un nuovo progetto musicale, “Il Teatro degli Orrori”. Solo nel 2010 gli “One Dimensionale Man” tornano a suonare insieme, e questa sera in Piazza dell’Università avremo il piacere di ascoltare la grande voce di questo gruppo che ha promesso per il 2011 un album nuovo di zecca.
Ancora una grande serata per “Univercity”, che nonostante il taglio ai finanziamenti è riuscito anche quest’anno a proporre un parterre di grandi concerti e di incontri.
Elia Frosini

La sit-com “W la mamma” raddoppia: in autunno la nuova serie, domani al Politeama il casting per un nuovo attore

Un attore per la nuova serie di “W la mamma”. Tv Prato lancia un provino per cercare un nuovo personaggio da inserire in una puntata della nuova stagione della prima sit com tutta toscana. I provini sono rivolti esclusivamente ad aspiranti attrici e attori non professionisti e si svolgeranno domani, giovedì 21, e giovedì 28 luglio al Teatro Politeama Pratese, in via Garibaldi a Prato, a partire dalle ore 21. Tra tutti i candidati, ne verranno individuati due: uno per un ruolo in una puntata di “W la mamma”, uno per una comparsa all’interno della serie.
Gli spezzoni più divertenti dei provini saranno messi in onda su Tv Prato e sul sito dell’emittente. Proprio tramite internet, grazie ai voti del pubblico, verrà scelto l’attore o l’attrice per il ruolo di comparsa; il candidato che ricoprirà il ruolo di puntata, verrà invece selezionato dalla produzione. Intanto sono in preparazione le nuove puntate di “W la mamma”, che spera di replicare lo straordinario successo di pubblico ottenuto nella prima stagione. A produrre la sit com sono l’associazione Brodoway e l’emittente televisiva cittadina. Le nuove puntate andranno in onda su Tv Prato dal prossimo autunno, quando si rinnoverà l’appuntamento settimanale con le disastrose avventure della famiglia più strampalata e amata della città.

Il Teatrino delle Briciole concede il bis ma dalla prossima stagione trasloca al Borsi

Daniele Griggio

Torna il Teatro nello spazio del Borsi, parte giovedì 6 ottobre la nuova stagione del Teatrino delle Briciole; molte le novità: prima fra tutte la sede. La rassegna si svolgerà al Teatro Borsi in via San Fabiano. Uno spazio molto conosciuto in città, soprattutto come cinema d’ Essai, che si riappropria della sua vocazione teatrale ospitando una rassegna “divertente” e particolare. Un modo non solo per restituirgli la sua natura di Teatro, ma anche un’occasione per riproporre e rivalutare un luogo importante del centro storico.

Divertissement è il tema scelto e il cubo di Rubik il simbolo che ben riassume il senso della proposta del Teatrino delle Briciole. Il Divertimento ha tante facce. Spesso bistrattato, demonizzato come poco “culturale” o addirittura snobbato, il divertimento rimane e rimarrà un elemento imprescindibile del nostro vivere quotidiano, soprattutto in tempi difficili e confusi come quelli che tutti stiamo vivendo. La qualità dell’impegno non dipende dal genere che si sceglie, ma dalla qualità e dalla professionalità della proposta. “E questo è quello che cercheremo di fare – sottolinea il direttore direttore artistico Daniele Griggio – Proporre spettacoli divertenti, ma bene attenti a qualità e professionalità degli interpreti. Il cartellone, in via di definizione, miscelerà generi diversi. Si parte dal teatro, per esplorare attraverso il burlesque, la commedia dell’Arte, il cabaret, la musica popolare e il vernacolo le diverse espressioni del Divertimento.”
Ogni lunedì, sempre al Teatro Borsi, si svolgerà un laboratorio teatrale. Sul sito www.teatrinodellebriciole.com tutti i dettagli e le informazioni.

Risate in vernacolo fiorentino al Teatro delle Fontanelle con la commedia della compagnia “Gli sconvolti”

La Compagnia amatoriale “Gli Sconvolti” di Prato, a grande richiesta, replicherà questa sera, mercoledì 20 luglio, alle ore 21:15 il suo spettacolo. “Basta che sian di fòri”, questo il titolo della commedia, calcherà il palco del Teatro del Circolo delle Fontanelle di via Roma 525, trasmettendo la grande ilarità ad un pubblico sicuramente vasto.
La pièce, in vernacolo fiorentino, si svolge in un agriturismo toscano, in cui arrivano ospiti che daranno non pochi problemi ai gestori. Le vicende dei personaggi si alterneranno, intersecandosi tra loro, fino a creare una serie di peripezie simpatiche e divertenti che rapiranno gli astanti in un turbine di allegria, regalando non pochi equivoci.
Uno spettacolo ilare e comico, che conferma il grande amore della nostra città per la commedia in vernacolo, che da sempre ravviva le nostra piazze e i nostri teatri soprattutto nel periodo estivo, portando avanti una tradizione che viene progressivamente alimentata dall’amore e dalla passione non solo degli spettatori, ma anche degli attori non professionisti. (e.fr.)

Il Prato Nord Festival porta la commedia di Goldoni “Le smanie per la villeggiatura” al Giardino Lippi

Continua il Prato Nord Festival, rassegna teatral-letteraria organizzata dalla circoscrizione Prato Nord per la direzione artistica di Giovanni Fochi. Questa sera, mercoledì 20 luglio, alle ore 21:30 la Compagnia di Ponzano darà il via alle serate teatrali al Giardino Lippi con “Le smanie per la villeggiatura”, una pièce del grande drammaturgo Carlo Goldoni che questa sera verrà plasmata dalla sapiente regia di Giovanni Fochi.
Nonostante siano passati 250 anni dalla stesura di questo capolavoro, la sua attualità risulta quasi incredibile; Goldoni riesce ancora a stupirci con il suo grande estro e la sua capacità di sviscerare ogni sfumatura dell’essere umano. Questo copione appartiene al ciclo de “La Trilogia della villeggiatura”, opera assai impegnativa per impianto, temi e intreccio. Nella Trilogia l’amore rischia di travolgere l’onore e le leggi morali. La raffinatezza di questa commedia, il taglio perfetto dei personaggi, l’umanità che viene fuori e l’intreccio sapiente fanno di questo lavoro un testo unico da mettere in scena.
Una pièce che rappresenta un classico della nostra tradizione sarà la protagonista indiscussa del Giardino Lippi di via Corridoni, grazie a una compagnia costituitasi proprio nel nome del grande Goldoni.
Virtù, vizi, screzi e peripezie questa sera infiammeranno la nostra città con uno spettacolo epico, all’interno di un Festival che, nonostante le ristrettezze economiche, riesce ogni anno a proporre eventi e incontri molto interessanti. Ingresso 5 euro.

Elia Frosini

Nella Corte delle Sculture “Gaber se fosse Gaber”: omaggio per immagini e musica al grande artista

Questa sera, mercoledì 20 luglio alle ore 21,30 nella Corte delle Sculture della Lazzerini, si terrà l’incontro – spettacolo di Andrea Scanzi “Gaber se fosse Gaber”, ideato e condotto dall’autore, realizzato in collaborazione con la Fondazione Gaber.
Si tratta di un percorso per immagini assolutamente originali e inedite, che fanno vivere o rivivere al pubblico le forti emozioni che solo il canto, la recitazione e la mimica di Gaber sanno trasmettere. Un viaggio nel mondo dell’artista che, attraverso interventi di approfondimento e riflessione, consente al pubblico di scoprire i momenti salienti di quel Teatro Canzone che ha consacrato la fama di Gaber e Luporini, per oltre quarant’anni.
Andrea Scanzi, giornalista, critico musicale e scrittore, che spazia dal vino al tennis, dalla politica alla musica, alternerà le immagini che hanno emozionato intere generazioni, ai racconti sulla carriera del maestro che, complice Sandro Luporini, ha rivoluzionato le regole di tutto, inventando un nuovo modo di fare teatro. Lo spettacolo è a ingresso libero.

Il maltempo beffa Panariello: alla fine lo spettacolo è stato rinviato a domani. Ecco come farsi rimborsare il biglietto per chi non può andare

Alla fine di una giornata di tira e molla, ha vinto il maltempo. Per ragioni tecniche non dovute alla volontà degli organizzatori, ma alle conclamate avverse condizioni meteorologiche, lo spettacolo di Giorgio Panariello previsto per questa sera è stato rinviato a domani mercoledì 20 luglio, ore 21,30, piazza Duomo. Il biglietto che i cittadini hanno acquistato, di conseguenza, è valido per domani. Per coloro che saranno impossibilitati a partecipare domani sera, è possibile chiedere un rimborso, dietro presentazione del biglietto anche già strappato, solo presso però la stessa prevendita dove è stato acquistato, entro e non oltre dieci giorni dalla data fissata per lo spettacolo. Coloro che hanno acquistato i biglietti online dovranno ugualmente rivolgersi a chi ha emesso il biglietto/coupon. Si comunica inoltre che sono ancora disponibili biglietti per lo spettacolo che potranno essere acquistati presso le prevendite abituali e direttamente all’ingresso posto su via Garibaldi.

Ella Armstrong, figlia del grande Louis, a Prato per un concerto che si svolgerà il 28 luglio nell’area ex Banci

La grande Ella Armstrong, in tour in Italia, sarà ospite della nostra città il prossimo 28 luglio.
Il concerto, all’interno del cartellone delle manifestazioni della Circoscrizione Prato Sud “E… state al Sud 2011”, è un vero e proprio evento per la nostra Prato, che può vantarsi di avere una data che ha come protagonista la figlia di Louis Armostrong, una delle leggende della musica nera di tutti i tempi.
Un’ora di spettacolo in cui protagonista sarà la versatilità interpretativa di questa grande artista, la cui popolarità nasce in Belgio. Un cognome molto pesante da portare sulle spalle, un’eredità difficile da raccogliere: Ella Armstrong pare non sentire tutte queste preoccupazioni, perché la cosa più importante è l’amore per la musica, denominatore comune che unisce la sua storia a quella di suo padre. Ella parla anche qualche parola di italiano: l’Italia per lei è un cuore dal quale sente uscire energia e calore (nel nostro paese ha avuto un trascorso di madre) ed è felice di tornare, dopo vent’anni, nel Bel Paese a diffondere la sua musica.
Il suo passato non è stato sempre felice e spensierato: durante un concerto è stata colpita da un aneurisma ed è finita in coma, restando per molto tempo al buio. Al suo risveglio, ha subito colpito i medici con queste parole: “Presto, fate presto, lo spettacolo ha inizio!”;  una frase emblematica che fa capire il suo grande amore per la canzone e per il palco. Un’artista audace e anticonformista, che parla una lingua comune a tutto il mondo, quella della musica, con la quale riesce a rapire i nostri cuori con una voce accattivante e calda.
Lo spettacolo si terrà alle ore 22.30 presso l’area ex-Banci e la cantante sarà accompagnata dal maestro Fabio Vannini al pianoforte. Un grande successo per la Circoscrizione Prato Sud, che con un budget ristrettissimo è riuscita a creare una stagione di eventi che può vantare questo grande nome.

Elia Frosini

In 4mila in piazza Duomo per il concerto di Battiato, che ha entusiasmato gli spettatori con uno spettacolo unico

In una piazza Duomo gremita e entusiasta è andato in scena ieri sera il concerto di Franco Battiato, uno dei fiori all’occhiello del cartellone della Prato Estate. Oltre 4mila persone, mai la piazza principale della città aveva visto una così grande partecipazione per un evento, hanno assistito ad uno spettacolo unico, in cui il “maestro” ha regalato due ore di emozioni. Un Battiato estremamente generoso ha infiammato con i suoi più grandi successi, il pubblico presente in platea, e i tanti che hanno seguito dalle finestre affacciate sulla piazza e dalle vie vicine ballando e cantando in strada.
“E’ stata davvero una serata splendida – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Anna Beltrame – ricca di energie positive. Devo ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo successo, gli organizzatori della Prg, lo staff dell’assessorato, la Banca Popolare di Vicenza e certamente i cittadini che hanno partecipato con entusiamo”.
Le emozioni sono state tante, soprattutto durante l’esecuzione dei brani più famosi, come ”La cura” e ”E ti vengo a cercare”, cantate con lo splendido accompagnamento musicale di un quartetto d’archi e di un grande Carlo Guaitoli al pianoforte.
Un Battiato che non ti aspetti, informale e divertente, ha regalato molti brani del suo infinito repertorio, concludendo lo spettacolo con diversi bis e il pubblico entusiasta che in piedi cantava con lui ”Centro di gravità permanente” e ”Cucurucucu Paloma”. Alla fine tanti applausi, per Prato una serata davvero speciale.

Stasera (tempo permettendo) tocca a Panariello riempire piazza Duomo. Alle 19, in caso di pioggia, la decisione se spostare lo spettacolo a domani

Dopo il sold out di Battiato di ieri, anche stasera torna un evento imperdibile del cartellone della PratoEstate 2011 con lo spettacolo di Panariello, anche se le condizioni meteo mettono in forse l’evento. Dal Comune fanno sapere che solo alle 19 verrà presa la decsiione definitiva sulla conferma dello spettacolo. Qualora lo spettacolo non potesse andare in scena stasera a causa del maltempo, sarà rinviato a domani mercoledì 20 luglio, ore 21.30 in piazza Duomo.
Tempo permettendo, dunque, stasera, 19 luglio, alle ore 21:30 gli occhi del pubblico di Piazza del Duomo saranno tutti puntati su Giorgio Panariello, che regalerà ore di grandi risate con il suo spettacolo “Panariello non esiste”, uno degli eventi più attesi di quest’anno, con cui il comico di casa nostra sta girando l’Italia ottenendo ovunque un enorme successo.  In questa pièce, con la quale per la prima volta si esibisce in una piazza di Prato, Panariello riabbraccerà alcuni tra i suoi vecchi personaggi, come il PR, Mario il bagnino, la Signora Italia, Merigo e molti altri: un pout pourri di realtà e fantasia che susciterà grande divertimento.
L’attore porterà in scena un mini varietà, accompagnato da una band, da ballerini, da un cantante e da un illusionista.
Musica, sketch, risate e tanto divertimento: questi gli ingredienti di una serata indimenticabile, che catalizzerà un folto pubblico in Piazza del Duomo a Prato, per assistere alle peripezie di uno dei comici più amati, che da molti anni riesce a raccontare l’attualità in maniera divertente, creando i suoi personaggi dalle comuni macchiette che ogni giorno incontriamo nella nostra vita.
Anche per questa sera, gli ingressi che possono essere utilizzati sono tre: da via Garibaldi, da via Magnolfi e da Largo Carducci. Chi ha acquistato i biglietti online e chi vuole prenderli direttamente prima dell’evento dovrà recarsi obbligatoriamente all’ingresso di via Garibaldi.
Elia Frosini

A scuola di musical con Arteinscena: ci si può già prenotare per i provini al Politeama ad ottobre, sono 4 le borse di studio disponibili

Domenica 9 ottobre 2011, dalle ore 14, presso il Teatro Politeama Pratese si terranno le audizioni per l’anno accademico 2011/2012 di Arteinscena, Scuola di Musical diretta da Simona Marchini e Franco Miseria. Il Teatro offre 4 borse di studio, che consentiranno di frequentare gratuitamente il Laboratorio per l’anno in corso, da destinare ai quattro migliori classificati fra gli allievi che si presenteranno ai provini.
L’obiettivo di Arteinscena è quello di formare artisti completi. Il lavoro di educazione, correzione eperfezionamento della voce, così come la cura del movimento del corpo e la pratica della recitazione, tiene in considerazione tutti gli aspetti artistici e tecnici al fine di raggiungere un’alta formazione di giovani che intendono intraprendere un percorso di crescita rigoroso e stimolante.
A formare gli allievi per l’anno accademico 2011/2012 saranno oltre all’attrice e poliedrica donna di spettacolo Simona Marchini e al coreografo Franco Miseria, Elisa Turlà e Loredana Lubrano, cantanti e docenti secondo il metodo Voice-Kraft, Amerigo Fontani, attore einsegnante di recitazione, e per la danza Ranko Yokoyama.
Le audizioni sono aperte a tutti i ragazzi italiani e stranieri che abbiano compiuto iI 16° anno di età. L’iscrizione alla Scuola di Perfezionamento di Musical si esegue solo dopo l’esito delle audizioni.  I corsi andranno da ottobre 2011 a maggio 2012 e saranno di 32 ore mensili, con cadenza quindicinale (sabato/domenica ogni 2 settimane). Sono previsti incontri con gli artisti che presentano spettacoli di Musical o commedie musicali durante la stagione teatrale del Teatro Politeama Pratese. A fine corso gli allievi realizzeranno uno spettacolo che andrà in scena presso il Politeama, per la regia di Franco Miseria.
Per partecipare al provino è sufficiente inviare foto, curriculum e contatto ad arteinscena@politeamapratese.com.

Tre giorni di arte, musica e spettacoli tutto all’insegna dei giovani: torna Univercity con l’obiettivo di battere il record di partecipanti

Anche quest’anno torna uno degli eventi più attesi dell’estate: dal 20 al 22 luglio si terrà in piazza dell’Università a Prato la terza edizione di “Univercity – Nuove connessioni urbane”, il festival non solo musicale organizzato da Arteriosa e Fonderia CultArt. Una tre giorni di musica, arte e teatro, strutturata e organizzata dai giovani e per i giovani, che  sicuramente accorreranno numerosi agli eventi del pomeriggio e della sera, con la speranza di eguagliare ed eventualmente superare le 4mila presenze della scorsa edizione.
“Ci sono state molte difficoltà a rinnovare l’impegno – ammette Giulia Gigli, presidente di Arteriosa – ma, nonostante la scarsità di sostanze, abbiamo comunque riproposto il festival, soprattutto per dare una continuità”.
Fondamentale è stato l’aiuto di Comune, Provincia e Giovani Industriali, che hanno collaborato per rendere reale questa edizione: “Il progetto è piaciuto subito alla Provincia, soprattutto perché è organizzato dai giovani” dichiara Loredana Ferrara; “E’ un’esperienza molto bella perché voluta dai ragazzi – le fa eco Anna Beltrame del Comune – e per questo motivo abbiamo deciso di inserirla anche nella PratoEstate”.
Il debutto di Univercity avverrà mercoledì 20 luglio alle ore 19, quando la Fnac porterà in piazza il “Forum Fnac”, una serie di incontri con protagonisti musicali e non. La sera alle ore 21 sarà la volta del concerto: salirà sul palco di Piazza dell’università “La macchina ossuta”, storica formazione pop-rock fiorentina.
Giovedì 21 luglio ha in programma per il pomeriggio l’incontro con gli autori di spinoza.it, blog satirico divertentissimo e molto conosciuto; in serata spazio alla musica con “One dimensional man”, una band riunitasi dopo 6 anni e che, con il suo ultimo album, ha riscosso pareri esaltanti dai critici più esigenti.
La giornata finale ci riserva il concerto del “Sam Paglia trio” dalle 21, mentre il pomeriggio “Fnac forum” ha in serbo l’incontro con Luca Bianchini, scrittore, giornalista di Vanity Fair e conduttore di Radio2.
Ci saranno anche eventi permanenti, come “Nuove connessioni urbane”, la mostra di installazioni (curate da Filippo Basetti, Gloria Campriani e Ignazio Fresu) realizzata dall’associazione Parte (PecciArte) all’interno del parcheggio del Serraglio, con il fine di valorizzare un luogo assai sottoutilizzato dalla cittadinanza.
Da sottolineare anche la messa in scena di “Orazione Intima”, pièce tratta da Lettera agli analfabeti di A. Artaud che prevede due repliche (alle 19 e alle 20:30) per tutti e tre i giorni del Festival. “Univercity” di questa edizione sarà seguito ininterrottamente da Radio Spin, l’emittente radiofonica degli universitari del Polo di Prato che è divenuta una realtà locale forte, in prima linea nel circuito delle radio universitarie.

Elia Frosini

Il Festival delle Colline porta l’Orchestra della Fiaba a Villa San Gaudenzio di Vaiano: rivivono in musica le leggende toscane

Il Festival delle Colline 2011, rassegna organizzata dal Comune di Poggio a Caiano, dalla Regione Toscana e dalla Provincia di Prato, continua a stupirci con i suoi eventi e per stasera ci propone un’esperienza unica, che fa riscoprire i piaceri di racconti e leggende del passato.
Pienamente in linea con la tematica di quest’anno, ossia i temi dell’infanzia nella produzione musicale degli adulti, questa sera, 18 luglio, alle ore 21:30 la villa San Gaudenzio di Vaiano accoglierà il concerto dell’ “Orchestra della Fiaba”, un progetto nato dalla collaborazione tra la compagnia teatrale “Diesis Teatrango” e l’etichetta discografica “Materiali Sonori”. Il risultato di questa sinergia è una pièce che unisce suoni, azioni sceniche e parole, che ci svelano i segni del passato e il suo immaginario, raccolto in un insieme di favole e leggende di narrativa orale  del territorio che va da Arezzo a Firenze. Storie dalle origini antiche, narrazioni vicine alla vita di tutti i giorni e allo stesso tempo fantastiche, metafore della continua ricerca della felicità: lo spettacolo si ispira a questa serie di novelle, contenute nella raccolta “I sette diavoli e altre fiabe”. Tante narrazioni che rapiranno il nostro interesse, grazie anche alla grande abilità dei musicisti/attori Moreno Betti, Piero Chierici, Pier Francesco Bigazzi, Iacopo Cigolini, Arlo Bigazzi, Mino Cavallo e Alessio Roberto Carrotta.
Un viaggio nella tradizione orale delle nostre origini, resa magistralmente sulla scena da un ensemble capace e decisamente di livello.

Elia Frosini

Tutto esaurito in piazza Duomo per il concerto di Battiato. Il musicista nel pomeriggio incontra il pubblico alla Lazzerini

Questa settimana la PratoEstate 2011 arriva in Piazza del Duomo con i nomi di punta del suo cartellone: già questa sera, 18 luglio, alle ore 21.30 è previsto il tutto esaurito per il grande concerto di Franco Battiato, che ha già fatto registrare il sold out su una capienza di oltre 3500 posti. Battiato, straordinario cantautore e compositore eclettico e spregiudicato, ha dato il via al suo tour estivo “Up patriots to arms” lo scorso 15 luglio a Roma; quest’oggi arriva nella nostra città con un bagaglio di canzoni ed emozioni che solo lui è in grado di trasmettere.
Una lunga e fortunata carriera, passata dalla musica sperimentale all’avanguardia colta, dall’opera lirica alla musica etnica, dal rock progressivo alla musica elettronica: Battiato è sempre riuscito a produrre grandi canzoni attingendo da ogni tipo di tradizione musicale. Non solo grande sperimentatore, ma grande conoscitore del panorama culturale e musicale del nostro tempo, questo cantante siciliano è uno dei più conosciuti e stimati artisti a livello internazionale. I suoi primi  pezzi vanno ricercati alle soglie degli anni ’70: da quel momento questo artista ha cavalcato l’onda del suo tempo incidendo per varie case discografiche e assaporando generi molto diversi tra loro. Il grande successo arriverà tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, anche con la canzone “Up patriots to arms” che dà il titolo al tour di quest’anno; da quel momento ha inciso i pezzi più famosi della sua carriera, collaborando anche con artisti di primissimo livello.
Un cantante unico, che questa sera ci delizierà con i migliori successi del suo repertorio e ci incanterà con le atmosfere uniche delle sue canzoni.
E’ importante informare il pubblico di questa sera che gli ingressi al concerto sono tre: da via Garibaldi, da via Magnolfi e da largo Carducci; chi ha il biglietto potrà entra indifferentemente da uno dei tre, mentre chi ha acquistato il biglietto online su Ticket-One dovrà recarsi all’ingresso di via Garibaldi. C’è da ricordare che è possibile lasciare la macchina senza pagare la sosta anche al parcheggio del Serraglio, oltre che in piazza del Mercato Nuovo, lungo viale Galilei, in piazza Mercatale e in piazzale Ebensee.
Per tutti gli interessati, alle ore 17 di oggi Franco Battiato incontrerà il suo pubblico alla biblioteca Lazzerini (ingresso libero).

Elia Frosini

Martedì Panariello in piazza del Duomo, ultimi biglietti disponibili per assistere allo spettacolo

Ancora biglietti disponibili per l’attesissimo spettacolo di Giorgio Panariello “Panariello non esiste”, uno degli eventi più attesi della Prato Estate 2011. L’artista farà tappa nella “sua” Prato martedì 19 luglio nella splendida Piazza Duomo, allestita per l’occasione, per ospitare l’attore e il suo ultimo spettacolo con cui sta girando l’Italia ottendendo ovunque enorme successo.
Panariello regalerà uno spettacolo tra realtà e fantasia, con uno sguardo divertito sull’attualità. Il comico porterà in scena un mini-varietà, accompagnato da una band, ballerini, un cantante e un illusionista. L’artista proporrà i personaggi diventati dei veri e proprio cavalli di battaglia, dalla Signora Italia a Merigo, da Naomo a Raperino. Ci saranno comunque anche nuovi personaggi ispirati dalla realtà quotidiana.
Quarantacinque città, settanta date sold out e oltre 150mila spettatori sono i numeri della tournè di “Panariello Non Esiste”, che dal 27 dicembre vede il grande comico toscano protagonista sui palchi dei principali teatri e palasport italiani.
Un appuntamento attesissimo quindi con un artista che per la prima volta si esibisce in piazza in quella che è diventata ormai da un ventennio la “sua” città. Un evento imperdibile dove sono garantite le risate e anche qualche lacrima.